La televisione svizzera per l’Italia

Le donne torneranno a scioperare

folla di donne sulla piazza davanti a palazzo federale
A quattro anni dall'ultima volta, si torna in piazza per rivendicare la parità. ©keystone/peter Schneider

Le donne torneranno in piazza il prossimo 14 giugno per rivendicare la parità e migliori salari e pensioni.

I sindacati elvetici hanno lanciato un nuovo appello per lo sciopero delle donne. Nel 2019 erano scese in strada mezzo milione di persone in tutta la Svizzera per chiedere migliori salari e pensioni e rivendicare la parità. Il 14 giugno 2023 torneranno in piazza. Non tutte le donne, però, condividono queste rivendicazioni e le modalità scelte per farle sentire.

Molte persone considerano che dal 2019 a oggi la situazione non è migliorata, né a livello sociale né a quello salariale. In alcuni casi – come quello dell’età pensionabile, per esempio – la situazione è peggiorata, dicono le organizzatrici delle proteste del prossimo 14 giugno.

Rimproverate le aziende: nel 2020 la metà delle donne sul mercato del lavoro guadagnava meno di 4’470 franchi al mese e, in media, il loro salario resta inferiore a quello degli uomini. Anche perché le donne lavorano più spesso a tempo parziale e in mestieri meno remunerati.

Contenuto esterno

Argomenti che, però, la parlamentare, imprenditrice e membro di comitato dell’Unione svizzera delle arti e mestieri Diana Gutjar: “Quanto si sostiene non è vero. Per lo stesso lavoro le aziende pagano lo stesso salario. Uomo o donna non fa differenza. In queste statistiche sui salari mancano molti elementi, come le esperienze professionali e dirigenziali, la formazione continua, le conoscenze linguistiche. Sono elementi determinanti quando si deve definire un salario”, ha spiegato ai microfoni della Radiotelevisione svizzera.

Lo sciopero delle donne, ricordiamo, avviene in un anno elettorale (l’appuntamento alle urne è il prossimo 22 ottobre) e organizzatori e organizzatrici sperano che le rivendicazioni della piazza possano arrivare in Parlamento per essere discusse.

Attualità

La capsula Sarco per l'eutanasia assistita.

Altri sviluppi

Capsula per suicidio Sarco: primo impiego entro l’anno

Questo contenuto è stato pubblicato al Una nuova associazione di aiuto al suicidio, The Last Resort, ha presentato ufficialmente oggi la capsula per suicidio Sarco. Ma polemiche e dubbi non mancano.

Di più Capsula per suicidio Sarco: primo impiego entro l’anno
Veduta del piccolo villaggio di Chaux-du-Milieu

Altri sviluppi

“Troppi bimbi”, stop alle nuove famiglie a Chaux-du-Milieu

Questo contenuto è stato pubblicato al Il piccolo comune neocastellano ha deciso di porre un freno all'arrivo di nuove famiglie sul suo territorio poiché la presenza di molti bambini e bambine sta creando insolubili problemi alle casse pubbliche.

Di più “Troppi bimbi”, stop alle nuove famiglie a Chaux-du-Milieu
Area Schengen in un aeroporto UE.

Altri sviluppi

Frontiere Schengen, 300 milioni dalla Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al La dotazione globale del fondo per il presidio dei confini UE è di 6,2 miliardi di euro, di cui una cinquantina torneranno nella Confederazione per l'implementazione dei nuovi sistemi di informazione e scambio dati.

Di più Frontiere Schengen, 300 milioni dalla Svizzera
confezioni wegovy ozempic e mounjaro

Altri sviluppi

Iniezioni dimagranti, attesi costi per centinaia di milioni

Questo contenuto è stato pubblicato al Il clamore e la curiosità attorno alle iniezioni per la perdita di peso, destinate in primis ai diabetici, stanno facendo lievitare enormemente i costi sanitari.

Di più Iniezioni dimagranti, attesi costi per centinaia di milioni
veicoli posteggiati

Altri sviluppi

Calano in Svizzera le immatricolazioni di veicoli stradali

Questo contenuto è stato pubblicato al Le vendite di veicoli a motore sono scese in giugno: sono stati immatricolati 33'100 auto, camion, bus e moto, con una flessione del 9% rispetto allo stesso periodo del 2023.

Di più Calano in Svizzera le immatricolazioni di veicoli stradali
zelensky

Altri sviluppi

Kiev apre a un dialogo con Mosca

Questo contenuto è stato pubblicato al Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha aperto la porta a una partecipazione della Russia a un prossimo vertice di pace tra i due Paesi.

Di più Kiev apre a un dialogo con Mosca

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR