La televisione svizzera per l’Italia

La Svizzera rischia di pagare miliardi se i jet F-35 saranno consegnati in ritardo

Foto di un jet in decollo
Il Parlamento svizzero ha approvato l'anno scorso l'acquisto di nuovi caccia F-35 dagli Stati Uniti. © Keystone / Ennio Leanza

La consegna dei jet da combattimento F-35 dagli Stati Uniti è già stata ritardata in alcuni Paesi, e se questo fosse il caso della Svizzera, il Paese alpino dovrebbe pagare fino a 1,75 miliardi di franchi svizzeri.

Il Parlamento elvetico ha approvato l’acquisto di nuovi caccia F-35 dagli Stati Uniti nel 2022. Normalmente, in caso di ritardo nella consegna degli armamenti, il produttore è tenuto a pagare una penale contrattuale, ma in questo caso non è prevista alcuna penale, ha riferito lunedì il gruppo di media TamediaCollegamento esterno.

L’Ufficio federale per gli acquisti della difesa (ArmasuisseCollegamento esterno) ha scritto che il contratto per i jet tra la Svizzera e il Governo statunitense “non prevede alcuna penale contrattuale”. Pertanto, mentre l’azienda statale svizzera di appalti per la difesa Ruag ha dovuto pagare 726’000 franchi per il ritardo nella consegna del mortaio Cobra, Lockheed Martin, il produttore dell’F-35, non rischia lo stesso.

Secondo Tamedia, sarebbe la Svizzera a sostenere i costi del ritardo. Se gli F-35 non arriveranno in tempo, la Confederazione dovrà prolungare la durata di vita dei jet F/A-18 attualmente in suo possesso. Qualche anno fa, il Ministero della difesa rossocrociato aveva stimato che sarebbero stati necessari tra gli 800 milioni e gli 1,75 miliardi di franchi per gestire gli F/A-18 fino al 2035.

Armasuisse ha anche scritto che gli accordi generali tra il Governo statunitense e il costruttore – compreso quello per l’F-35A svizzero – conterranno “meccanismi contrattuali” che “entreranno in vigore in caso di inadempimento da parte di Lockheed Martin”. Tuttavia, né Armasuisse né Lockheed Martin dicono di quali meccanismi si tratti e se prevedano anche una compensazione finanziaria.

La minaccia è incombente, perché Lockheed Martin sembra essere alle prese con problemi di consegna nei primi Paesi, tra cui la Polonia. Tuttavia, ha promesso che le date di consegna in Svizzera saranno rispettate.

“Ci aspettiamo che il primo jet svizzero sia pronto per l’addestramento dei piloti negli Stati Uniti nel 2027”, ha dichiarato in un comunicato. I primi velivoli saranno prodotti in Italia e dovrebbero arrivare nella Confederazione nel 2028.

Tuttavia, il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti non ha ancora assegnato ufficialmente il contratto a Lockheed Martin: finché non lo farà, la produzione non potrà iniziare.

Attualità

Joe Biden

Altri sviluppi

Biden ha il Covid

Questo contenuto è stato pubblicato al Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha contratto l'infezione ma assicura di sentirsi bene. La notizia rischia però di far aumentare la pressione per un suo possibile ritiro dalla corsa elettorale

Di più Biden ha il Covid
La presidente Viola Amherd (a destra) con alcuni partecipanti al vertice della Comunità politica europea.

Altri sviluppi

Viola Amherd al quarto vertice della Comunità politica europea

Questo contenuto è stato pubblicato al Si è aperto oggi al Blenheim Palace di Woodstock, comune del sud dell'Inghilterra nei pressi di Oxford, il quarto vertice della Comunità politica europea (CPE).

Di più Viola Amherd al quarto vertice della Comunità politica europea
Container al porto fluviale di Basilea.

Altri sviluppi

Ripresa del commercio estero svizzero

Questo contenuto è stato pubblicato al Dopo un inizio d'anno poco dinamico le esportazioni sono tornate a crescere con vigore nel secondo trimestre.

Di più Ripresa del commercio estero svizzero
Il Tribunale penale federale a Bellinzona.

Altri sviluppi

Algerino rinviato a giudizio per terrorismo

Questo contenuto è stato pubblicato al Per la Procura federale il presunto militante dello Stato Islamico (ISIS), la cui domanda d'asilo in Svizzera era stata respinta, progettava un attentato in Francia.

Di più Algerino rinviato a giudizio per terrorismo
Traffico veicolare in una città svizzera.

Altri sviluppi

Radar anti-rumore a Ginevra

Questo contenuto è stato pubblicato al La Confederazione ha testato lo scorso anno nella città di Calvino alcuni nuovi apparecchi, nell'ambito di un progetto pilota che ha lo scopo di sanzionare in modo più efficace il rumore eccessivo sulle strade.

Di più Radar anti-rumore a Ginevra
prigionieri di guerra salgono su un bus.

Altri sviluppi

Scambio di prigionieri tra Mosca e Kiev

Questo contenuto è stato pubblicato al Russia e Ucraina hanno liberato 95 prigionieri di guerra a testa, a meno di un mese dal precedente scambio.

Di più Scambio di prigionieri tra Mosca e Kiev

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR