La televisione svizzera per l’Italia

Economiesuisse chiede al Governo di fare di più invece di mettere cerotti

Monika Rühl.
"Il mondo è completamente fuori controllo?", ha esordito provocatoriamente oggi la presidente di direzione Monika Rühl. © Keystone / Anthony Anex

L'organizzazione mantello delle aziende elvetiche chiede alle autorità maggiori concretezza e lungimiranza.

Economiesuisse critica la mancanza di lungimiranza strategica del Consiglio federale rispetto alle principali sfide attuali: l’organizzazione di categoria invita il Governo a essere più concreto e a lavorare proattivamente, invece di mettere cerotti qua e là.

La forte concorrenza internazionale e le crisi attuali pongono sfide enormi all’economia e alla società, hanno rilevato gli oratori nel corso della conferenza stampa annualeCollegamento esterno dell’associazione. Queste sfide sono spesso complesse e stratificate e richiedono una collaborazione costruttiva anziché un mero marketing politico, soprattutto in un anno elettorale.

Il servizio del TG:

Contenuto esterno

“Il mondo è completamente fuori controllo?”, ha esordito provocatoriamente Monika Rühl, presidente della direzione generale di economiesuisse, stando a quanto riportato in una nota. In Ucraina è ancora in atto una guerra devastante, le conseguenze della pandemia di coronavirus continuano a manifestarsi a livello dello stato e delle aziende, l’economia globale si sta raffreddando, le catene di approvvigionamento internazionali sono interrotte, la società sta invecchiando e l’economia è alle prese con un’acuta carenza di manodopera e una minaccia latente di scarsità di energia.

No al disfattismo

Per Rühl, non tutte queste situazioni sono completamente nuove o sorprendenti. La novità, però, sta nel fatto che si stiano verificando contemporaneamente e in alcuni casi si stiano rafforzando. Per le imprese cedere al catastrofismo o al pessimismo non porta a nulla: è piuttosto consigliabile una gestione delle crisi ben studiata e un’analisi approfondita di come le crisi siano state affrontate nel recente passato.

“Chiudere gli occhi non è una strategia”, ha affermato la dirigente. Le aziende devono agire in modo strategico e pensando sul lungo termine se vogliono aver successo in modo sostenibile. E “i politici potrebbero ispirarsi allo spirito imprenditoriale, alla forza innovativa e al dinamismo di molte aziende svizzere. Sono dell’idea che dovrebbero farlo assolutamente”, ha aggiunto.

Molto margine di miglioramento

Le questioni che attualmente preoccupano i dirigenti aziendali sono soprattutto le lacune a livello di digitalizzazione, la mancanza di manodopera e la sostituzione delle energie fossili con quelle rinnovabili. In tutte e tre le aree c’è “ancora molto margine di miglioramento”, ha affermato Rühl.

Altri sviluppi

“La maggior parte delle grandi sfide del nostro tempo sono complesse e stratificate; devono essere considerate in modo olistico e affrontate in modo interdisciplinare”, ha aggiunto il presidente di economiesuisse Christoph Mäder. Ma il modo in cui il Consiglio federale governa il Paese oggi non gli consente di sviluppare una “lungimiranza strategica” che gli permetta di affrontare le questioni in maniera efficace.

Mäder ha ricordato che oggi non c’è quasi più un dossier che riguardi davvero un solo dipartimento. “Il Consiglio federale nel suo insieme deve assumersi le proprie responsabilità e affrontare come squadra proattivamente e costruttivamente le questioni di grande rilevanza e stabilire le priorità strategiche per l’ulteriore sviluppo del nostro paese insieme a tutti i dipartimenti”.

Allargare l’orizzonte

Per il presidente una visione ristretta del proprio orticello – ad esempio riferita alla politica energetica, alla politica di sicurezza e alla politica europea – è sbagliata o addirittura pericolosa. L’economia e la società stanno affrontando sfide importanti anche nel settore della previdenza per la vecchiaia.

In previsione delle elezioni federali del prossimo autunno, Mäder ha esortato i partiti “da sinistra a destra” a non rimanere invischiati “in un circolo infinito di gestione dei problemi”, bensì “a lavorare in modo costruttivo per trovare soluzioni a beneficio della nostra piazza economica, dei posti di lavoro e delle cittadine e dei cittadini del nostro paese”. Solo con una cooperazione orientata alle soluzioni tra tutte le parti interessate – ha concluso – “possiamo creare benessere e sicurezza sociale”.

Attualità

Partecipanti al Pride di Zurigo.

Altri sviluppi

In ventimila al Pride di Zurigo

Questo contenuto è stato pubblicato al "Libero sotto ogni aspetto - da 30 anni". Sotto questo motto si è tenuto oggi con la partecipazione di 20'000 persone il Pride di Zurigo.

Di più In ventimila al Pride di Zurigo
Manifestanti a Parigi.

Altri sviluppi

La Francia scende in piazza contro l’estrema destra.

Questo contenuto è stato pubblicato al Sabato diverse migliaia di persone hanno manifestato in Francia per invocare una rivolta "repubblicana" contro l'estrema destra, che potrebbe salire al potere nelle elezioni parlamentari anticipate del 30 giugno e del 7 luglio.

Di più La Francia scende in piazza contro l’estrema destra.
La foto di rito di tutti i leader presenti al G7 con al centro Papa Francesco.

Altri sviluppi

Un Papa per la prima volta al vertice del G7

Questo contenuto è stato pubblicato al Per la prima volta di un Pontefice partecipa a questo vertice. L'accoglienza è calorosa non solo da parte della premier italiana Giorgia Meloni - "è un momento storico, non ringrazierò mai abbastanza Sua Santità per essere qui" - ma da tutti i Grandi della Terra.

Di più Un Papa per la prima volta al vertice del G7
Raphael Glucksmann.

Altri sviluppi

In Francia la sinistra si unisce per combattere l’estrema destra

Questo contenuto è stato pubblicato al Raphael Glucksmann che ha rilanciato il Partito socialista con il suo movimento Place Publique ritiene che l'unico modo per fermare il Rassemblement National sia la craezione di un'unione di sinistra.

Di più In Francia la sinistra si unisce per combattere l’estrema destra
Una postina svizzera.

Altri sviluppi

Per risparmiare la Posta consegnerà lettere e pacchi in ritardo

Questo contenuto è stato pubblicato al Per risparmiare il Consiglio federale propone che solo il 90% delle lettere e dei pacchi venga consegnato per tempo dalla Posta. Inoltre, si vuole abolire l'obbligo di consegna nelle case abitate tutto l'anno.

Di più Per risparmiare la Posta consegnerà lettere e pacchi in ritardo
La cascata della Piumogna a Faido.

Altri sviluppi

Attenti al fiume Ticino e alle sue possibili improvvise piene

Questo contenuto è stato pubblicato al La portata del fiume Ticino e dei suoi affluenti in Leventina, tra Airolo e Personico, potranno subire delle importanti variazioni durante l’intero arco delle 24 ore. L'Azienda elettrica ticinese invita la popolazione alla prudenza. 

Di più Attenti al fiume Ticino e alle sue possibili improvvise piene

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR