La televisione svizzera per l’Italia

Inflazione ai massimi da 30 anni in Svizzera

due persone tengono in mano sacchetti di carta con la bandiera svizzera
Il rincaro è cpmunque stato più contenuto rispetto ad altri Paesi. Keystone / Arno Burgi

Il rincaro annuo in Svizzera si è attestato al 2,8% nel 2022. Si tratta del valore più elevato dal 1993, quando era stato registrato un 3,4%. 

L’inflazione elvetica ha raggiunto il 2,8% nel 2022. Lo ha fatto sapere oggi, mercoledì, l’Ufficio federale di statistica (UST), che ha sottolineato che si tratta del valore più elevato dal 1993, quando il rincaro aveva raggiunto il 3,4%.  

L’UST indica che a pesare è stato in particolare l’aumento del costo dei prodotti petroliferi, del gas, delle automobili e degli affitti delle abitazioni. Dall’altra parte sono invece diminuiti i prezzi dei medicamenti e delle offerte di telefonia. 

A gennaio l’inflazione era dell’1,6%. Da quel momento è salita costantemente sino a raggiungere un picco del 3,5% in agosto, per poi tornare a contrarsi lievemente. Un aspetto positivo di questa situazione è che comunque l’inflazione elvetica rimane nettamente inferiore a quella degli altri Paesi. A titolo di paragone, la Germania, che è il principale partner commerciale della Confederazione, ha visto il suo rincaro attestarsi al 7,9% nell’anno che si è appena concluso.  

Contenuto esterno

Perché in Svizzera l’inflazione è contenuta?

L’inflazione elvetica è contenuta rispetto ad altri paesi grazie alla forza del franco svizzero, che funge da cuscinetto. Il direttore dell’Istituto di economia applicata dell’Università di Losanna Mathieu Grobéty ha spiegato a SWI Swissinfo.ch che la perdita di valore dell’euro rispetto al franco fa sì che i beni importati sono molto più economici. Una situazione che concerne un quarto dei prodotti consumati nella Confederazione. Inoltre, aggiunge, la posizione geografica della Confederazione aiuta: essere nel cuore dell’eurozona facilita il turismo degli acquisti. Per questo motivo i dettaglianti alimentari elvetici, per evitare di far fuggire la clientela oltreconfine, non hanno trasferito immediatamente l’aumento dei costi globali su consumatrici e consumatori.

Anche per quanto riguarda l’energia, il cui valore ha subìto delle impennate in altri Paesi, la Svizzera è “protetta”, grazie a un mercato regolamentato, in cui una parte delle tariffe viene fissata in anticipo e al fatto che una parte è rinnovabile poiché viene prodotta dalle centrali idroelettriche.

Una sorpresa per gli analisti

Oltre a pubblicare il dato sull’inflazione dell’intero anno (ossia la media aritmetica dei singoli mesi), l’UST ha anche diffuso i dati di dicembre, che hanno rappresentato una piccola sorpresa. L’indice dei prezzi al consumo si è attestato a 104,4 punti, in flessione dello 0,2% rispetto a novembre; la progressione annua è stata del 2,8% (in rallentamento a confronto del 3% di ottobre e novembre). Il dato – che per coincidenza è identico a quello dell’intero 2022 – è inferiore alle attese degli analisti e delle analiste interrogati dall’agenzia finanziaria AWP, che si aspettavano valori dal 2,9% al 3,1%. 

Nel confronto con novembre i prezzi dei prodotti indigeni sono saliti dello 0,1%, mentre quelli dei prodotti importati sono scesi dell’1,1%. Su base annua i primi segnano +1,9%, i secondi +5,8%. Lo zoccolo dell’inflazione – che nella definizione dell’UST è il rincaro totale esclusi i prodotti freschi e stagionali, energia e carburanti – mostra variazioni rispettivamente del +0,1% (mese) e +2% (anno). 

L’UST calcola anche un indice dei prezzi al consumo armonizzato (IPCA), misurato con la metodologia in uso nell’Unione europea, con l’obiettivo di raffrontare i dati elvetici con quelli degli Stati comunitari. Visto da questa prospettiva dicembre presenta un rincaro di -0,2% (mese) e di +2,7% (anno). L’efficacia dell’indice dei prezzi al consumo nell’illustrare il costo della vita percepito dai consumatori e dalle consumatrici è però spesso al centro di grandi discussioni e in particolare in Svizzera, dove, per motivi metodologici, il tasso calcolato dall’UST non comprende i premi dell’assicurazione malattia di base, un punto di spesa che è spesso in forte progressione nei bilanci delle famiglie elvetiche. 

Il rincaro stabilito dall’UST ha una grande importanza in vari ambiti: dalle negoziazioni salariali agli affitti, passando per il calcolo del contributo per gli alimenti nell’ambito dei divorzi. 

Aumenteranno le vendite al dettaglio 

Nonostante il rincaro, secondo lo studio periodico Retail Outlook pubblicato oggi da Credit Suisse e realizzato dalla banca in collaborazione con la società di consulenza Fuhrer & Hotz, nel 2023 aumenteranno le vendite del commercio al dettaglio elvetico, che assisterà così a una lieve crescita del volume d’affari. Questo grazie a una situazione stabile sul mercato del lavoro, una moderata crescita dei salari e il perdurare dell’immigrazione.  

Nel comparto alimentare le vendite dovrebbero salire (su base annua) del 2,1%, favorite anche da un rincaro previsto all’1,6%, mentre nel segmento non alimentare è attesa una progressione dello 0,8%.  

Attualità

gambe di donna con tacchi

Altri sviluppi

Onu taccia Svizzera di “Stato pappone”, Berna respinge accuse

Questo contenuto è stato pubblicato al Berna respinge al mittente le accuse di essere "uno Stato pappone" formulate da un'esperta dell'ONU nei confronti del nostro Paese. "Questo termine non è per nulla appropriato", ha affermato oggi l'ambasciatore elvetico all'ONU di Ginevra Jürg Lauber.

Di più Onu taccia Svizzera di “Stato pappone”, Berna respinge accuse
poliziotti

Altri sviluppi

Attacchi terroristici in Daghestan, almeno 19 morti

Questo contenuto è stato pubblicato al È di 19 morti e diversi feriti il bilancio degli attentati contro posti di polizia, chiese e una sinagoga domenica in Daghestan, repubblica russa nel Caucaso settentrionale. Si sospetta che gli attacchi siano opera di estremisti islamici.

Di più Attacchi terroristici in Daghestan, almeno 19 morti

Altri sviluppi

Aeroporto Zurigo: rinviata apertura scalo indiano

Questo contenuto è stato pubblicato al I lavori di costruzione del più grande progetto all'estero dell'aeroporto di Zurigo, nell'agglomerato di Delhi, hanno subito ritardi. L'entrata in servizio dello scalo internazionale di Noida è ora prevista per fine aprile 2025, anziché fine 2024.

Di più Aeroporto Zurigo: rinviata apertura scalo indiano
Manifestanti eritrei sulla Piazza federale.

Altri sviluppi

Gli eritrei manifestano per i loro diritti in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al Le e i partecipanti hanno contestato a Berna i ventilati respingimenti verso Stati terzi e l'obbligo del passaporto per l'ottenimento del permesso di soggiorno.

Di più Gli eritrei manifestano per i loro diritti in Svizzera
Due pompieri osservano la portata del Rodano nei pressi di Sierre.

Altri sviluppi

Maltempo, situazione in lento miglioramento in Vallese

Questo contenuto è stato pubblicato al Nonostante il lieve calo delle acque del Rodano e dei suoi affluenti, il livello di allarme e lo stato d'emergenza non vengono revocati.

Di più Maltempo, situazione in lento miglioramento in Vallese
Bimbi attorno a un cratere formato dalle bombe israeliane.

Altri sviluppi

Bombe vicino alla Croce Rossa a Gaza

Questo contenuto è stato pubblicato al L'esercito israeliano è tornato a bombardare pesantemente Gaza la scorsa notte: i morti sono almeno 22 e i feriti 45.

Di più Bombe vicino alla Croce Rossa a Gaza
Due veicoli della polizia in centro a Zurigo.

Altri sviluppi

‘ndrangheta, indagate tre persone residenti in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al L'Antimafia di Catanzaro chiede assistenza giudiziaria a Berna nell'ambito di un'indagine sulla cosca Maiolo, perquisizioni a Zurigo, Berna e Turgovia.

Di più ‘ndrangheta, indagate tre persone residenti in Svizzera
Interventi nei pressi della centrale idroelettrica a Vissoie nella val d'Anniviers (Vallese).

Altri sviluppi

Maltempo, sfollate 230 persone in Vallese

Questo contenuto è stato pubblicato al Il cantone bilingue è la zona più colpita da frane e inondazioni dovute alle intense precipitazioni di questi giorni. Zermatt isolata a causa degli smottamenti e dell'esondazione della Vispa. Preoccupano i corsi d'acqua delle valli laterali.

Di più Maltempo, sfollate 230 persone in Vallese

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Partecipa alla discussione!

I contributi devono rispettare le nostre condizioni di utilizzazione. Se avete domande o volete suggerire altre idee per i dibattiti, contattateci!

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR