La televisione svizzera per l’Italia

Credit Suisse, il mercato del lavoro svizzero si appresta ad incassare un duro colpo

persona in piedi davanti a un portone
La fusione Credit Suisse-UBS potrebbe comportare una perdita di 12'000 posti di lavoro in Svizzera, secondo l'istituto BAK Economics. Keystone / Steffen Schmidt

Il tracollo di Credit Suisse sta suscitando molte preoccupazioni per il numero di persone che perderanno il posto di lavoro dopo la fusione con UBS. Le due maggiori banche svizzere impiegano più di 35'000 dipendenti nella Confederazione e molti ruoli saranno dei doppioni dopo la fusione. 

I sindacati e l’Associazione svizzera degli impiegati di banca (ASIB) chiedono chiarezza, in particolare per le circa 17’000 persone che lavorano presso Credit Suisse.

In una conferenza stampa organizzata martedì a Berna, l’Unione sindacale svizzera e l’ASIB hanno ribadito la necessità di istituire una task force per salvaguardare il maggior numero di posti di lavoro.

Stando all’ASIB, è necessario un pacchetto di salvataggio per il personale dei due istituti finanziari. La situazione è drammatica, nonché enormemente stressante, scrive a sua volta in un comunicato l’associazione. “Si sta profilando una tempesta, ma nessuno sa chi sarà colpito”, ha aggiunto durante la conferenza stampa il suo presidente, Michael von Felten, stando al quale grande incertezza regna sovrana pure in seno a UBS.

+ Crollo di Credit Suisse, conseguenze e questioni in sospeso

Tra le rivendicazioni dei sindacati, vi è quella di rinunciare ai licenziamenti sino alla fine dell’anno, ossia prima del completamento effettivo dell’unione fra le due banche, ha indicato la co-direttrice dell’ASIB Natalia Ferrara. Qualora non fosse possibile evitarne, dovrebbero essere gestiti nel quadro del piano sociale. Una protezione speciale e più marcata è poi da prevedere per i collaboratori over 55, per i quali la ricerca di un lavoro è particolarmente complicata, ha in seguito spiegato la ticinese.

Contenuto esterno


Durante la conferenza stampa non sono mancate le critiche ai vertici di Credit Suisse, che hanno preso “rischi eccessivi”. Secondo Daniel Lampart, capo economista dell’USS, nemmeno Confederazione e Banca nazionale svizzera hanno la coscienza pulita e sarebbero colpevoli di aver gettato fumo negli occhi alla popolazione, sostenendo di aver ridotto i problemi degli istituti di rilevanza sistemica rispetto ai tempi dello sfiorato collasso di UBS durante la crisi finanziaria del 2008.

+ “Stiamo assistendo al fallimento di un sistema di finanza-casinò”

Decine di migliaia di posti in gioco nel mondo

Già prima dell’acquisizione, Credit Suisse aveva in programma un taglio degli effettivi. In ottobre, aveva annunciato una ristrutturazione che includeva la soppressione di 9’000 posti di lavoro nel mondo (su 52’000), di cui 2’000 in Svizzera.

Secondo l’istituto di ricerca BAK Economics, l’acquisizione di Credit Suisse da parte di UBS causerà la perdita di 9’500-12’000 posti di lavoro in Svizzera. Assieme, le due banche impiegano nella Confederazione circa 37’000 persone.

A livello internazionale, la ristrutturazione avrà un impatto ancora più marcato, stando a quanto scrive il Financial Times. Complessivamente, la fusione potrebbe comportare la sparizione di un terzo dei 120’000 posti dei due istituti.

Attualità

carro armato

Altri sviluppi

Carri armati israeliani nel centro di Rafah

Questo contenuto è stato pubblicato al Malgrado le condanne giunte da tutto il mondo dopo l'attacco di domenica notte, nel quale sono morti decine di civili, l'esercito israeliano prosegue le operazioni nel sud della Striscia di Gaza.

Di più Carri armati israeliani nel centro di Rafah

Altri sviluppi

Un alunno su sei è in sovrappeso

Questo contenuto è stato pubblicato al Il sovrappeso e l'obesità rimangono una sfida per i bambini e gli adolescenti. Secondo un monitoraggio che si riferisce all'anno scolastico 2022/23, un alunno su sei ha problemi con la bilancia.

Di più Un alunno su sei è in sovrappeso

Altri sviluppi

Quasi un terzo degli svizzeri ha già litigato coi vicini, sondaggio

Questo contenuto è stato pubblicato al Secondo un sondaggio in Svizzera quasi un terzo della popolazione ha già vissuto liti con il vicinato. I motivi più comuni sono l'eccesso di rumori, problemi con la lavanderia, infrazioni delle regole sui posteggi e diatribe riguardanti la proprietà di terreni.

Di più Quasi un terzo degli svizzeri ha già litigato coi vicini, sondaggio
bandiere in un viale

Altri sviluppi

Le spie vanno espulse sistematicamente

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Consiglio degli Stati ha approvato lunedì una mozione che prevede di rafforzare i meccanismi di espulsione per gli agenti stranieri.

Di più Le spie vanno espulse sistematicamente
Tre donne prese di schiena in un centro federale d'accoglienza.

Altri sviluppi

Le donne afghane continueranno a ricevere asilo in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al Le donne afgane continueranno in linea di principio a ricevere asilo in Svizzera. La prassi attuale della Segreteria di Stato della migrazione (SEM) potrà essere sostanzialmente mantenuta.

Di più Le donne afghane continueranno a ricevere asilo in Svizzera

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR