Navigation

Truffe Covid, pioggia di segnalazioni alla procura ticinese

© Keystone / Gaetan Bally

Crescono le truffe ai danni dello Stato da parte di aziende che durante la pandemia hanno chiesto e ottenuto il lavoro ridotto senza averne diritto. Sono oltre un centinaio.

Questo contenuto è stato pubblicato il 19 agosto 2022 - 20:28
tvsvizzera.it/MaMi

Il Ministero pubblico ticinese riceve ogni settimana segnalazioni di abusi in merito alla procedura di ottenimento di aiuti da parte di aziende. Aziende che, pur non essendo state costrette a ricorrere al lavoro ridotto in epoca Covid, hanno richiesto allo Stato i relativi aiuti. Questi casi vengono ora trattati dalla procura come prioritari.

Il Ticino è peraltro il Cantone più attivo in questo senso: persegue anche violazioni con importi di poche migliaia di franchi. Le cifre nazionali sono disponibili sotto mentre l'approfondimento sul Ticino è nel servizio del Quotidiano:

Contenuto esterno

In base ai dati pubblicati dalla Segreteria di Stato per l'economia (SECO) a inizio agosto, in Svizzera sono state indagate 441 aziende e le autorità hanno sporto denuncia in 39 casi. Alla fine di giugno la SECO ha richiesto il rimborso di quasi 40 milioni di franchi versati a imprese: di questi sono stati recuperati 12 milioni. I costi dei controlli e dell'attività di revisione ammontano a 4,8 milioni di franchi.

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?