Navigation

Difesa, ultimatum USA agli alleati

Contenuto esterno

“Che gli alleati aumentino il loro contributo per la Difesa entro la fine dell’anno, o gli Stati Uniti ridurranno il loro impegno”. È lo schietto messaggio che il segretario americano alla Difesa James Mattis ha rivolto agli alleati europei a Bruxelles, dove si è aperta mercoledì una riunione di due giorni dei ministri della Difesa della NATO. Il contribuente statunitense, ha spiegato, non può più sostenere una quota sproporzionata “per la difesa dei valori occidentali”.

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 febbraio 2017 - 21:50
tvsvizzera.it/ri con RSI (TG del 15.02.2017)

Quote sproporzionate: questo il rimprovero degli Stati Uniti agli alleati. Per garantire un livello di operatività accettabile nel caso di un intervento militare (“Un attacco contro un membro è un attacco contro tutti”, recita l’articolo 5 del Trattato) la NATO si è data l’obiettivo che ogni Paese membro spenda per la difesa almeno il 2% del PIL.

Un obiettivo rispettato solo da 5 dei 28 alleati: USA (3,61%), Grecia (2,38), Regno Unito (2,21), Estonia (2,16) e Polonia (2).

Gli Stati Uniti danno inoltre il contributo più consistente (22%) alle spese per il personale, il quartier generale, il mantenimento dell’Alleanza atlantica.

End of insertion

Aspettandosi le rimostranze della nuova amministrazione USA, la NATO aveva giocato d’anticipo affermando martedì che le spese militari in Europa sono aumentate di 10 miliardi di dollari nel 2016. L’Alleanza ha tuttavia anche ammesso che i soldi pubblici spesi per la difesa rimangono al di sotto del 2% del PIL, soglia sulla quale Washington insiste da tempo.

Da un punto di vista strategico, ha voluto rassicurare Mattis, gli Stati Uniti rimangono solidi alleati dei paesi europei. I controversi legami con Mosca dell’amministrazione Trump preoccupano molto soprattutto i paesi baltici.

Un’alleanza di indiscutibile importanza, gli ha fatto eco il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg: “Le sfide che affrontiamo sono le più complesse e impegnative dell’ultima generazione”, ha detto. “Né l’Europa, né il Nord America possono affrontarle da soli”.
 



Contenuto esterno


Contenuto esterno




Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.