Navigation

«L’UE? Uno strumento per la Germania; la Nato? Obsoleta»

Contenuto esterno

Le dichiarazioni del nuovo presidente statunitense Donald Trump hanno destato non poche perplessità e una certa inquietudine. Gli europei hanno il «loro destino tra le mani», ha risposto Angela Merkel.

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 gennaio 2017 - 21:50
tvsvizzera.it/mar con RSI (TG del 16.1.2017)

L’intervista a Trump pubblicata lunedì dal giornale tedesco Bild e dal britannico Times ha sollevato un certo polverone. Le sottigliezze del linguaggio diplomatico non sembrano decisamente appartenere al dizionario personale del neo eletto presidente statunitense.

L’Unione Europea – ha dichiarato Trump – «rappresenta di base soltanto un mezzo per raggiungere gli obiettivi della Germania». «Perciò ho trovato così intelligente che la Gran Bretagna ne sia uscita», ha proseguito, prevedendo che altri paesi seguiranno l’esempio di Londra.

In particolare Trump ha puntato il dito contro le politiche migratorie europee e soprattutto la cancelliera tedesca Angela Merkel, colpevole di aver commesso «un errore catastrofico» quando ha permesso l’ingresso di un milione di migranti in Germania.

Il neo presidente statunitense non ha risparmiato critiche neppure alla Nato, «obsoleta» perché invece di combattere l'Isis perde ancora tempo a mostrare i muscoli verso la Russia.

La risposta da Berlino non si è fatta attendere. «L’Unione Europea non è mai stata per la Germania uno strumento per raggiungere i propri scopi», ha sottolineato il portavoce del ministero degli esteri. In toni pacati, la cancelliera Merkel ha dal canto suo affermato che «gli europei sono padroni del proprio destino». 

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.