Navigation

Usa via dal Kurdistan siriano? Non così presto…

Dopo le dichiarazioni di Donald Trump di voler ritirare le truppe americane dal confine tra Siria e Turchia, l'amministrazione statunitense ha fatto dietrofront.

Questo contenuto è stato pubblicato il 08 ottobre 2019 - 13:34
tvsvizzera.it/mar con RSI (TG dell'8.10.2019)
Alla frontiere tra Turchia e Siria, i reporter sono sul chi vive per coprire un'eventuale offensiva da parte delle truppe di Ankara. Keystone / Lefteris Pitarakis

"Non c'è alcuna luce verde alla Turchia per un massacro dei curdi; affermare questo è da irresponsabili": è quanto dichiarato lunedì da un funzionario dell'amministrazione statunitense in un incontro coi giornalisti alla Casa Bianca. Quello che sembrava essere un ordine di ritiro emanato da Donald Trump riguarda solo da 50 a 100 membri delle forze speciali che saranno "ridispiegati in altre basi".

Contenuto esterno


Eppure, l'annuncio fatto domenica via twitter dal presidente statunitense sembrava chiaro: "È il momento per noi di sfilarci da ridicole guerre senza fine, molte delle quali tribali – aveva scritto Trump. È il momento di riportare i nostri soldati a casa".

La valanga di critiche abbattutesi su Trump per quello che molti hanno definito un "tradimento" degli alleati curdi e i preparativi militari della Turchia – che intende lanciare un'offensiva contro le milizie curde delle YPG nel nord-est della Siria – devono però aver convinto l'amministrazione USA a fare dietrofront.

In un altro tweet dal tono esplosivo e un po' surreale, Trump ha così affermato "con forza" che se "la Turchia dovesse fare qualcosa che io, nella mia grande e incommensurabile saggezza, considerassi 'off limits' distruggerò totalmente l'economia della Turchia (l'ho già fatto prima!)".

Contenuto esterno

Reagendo a queste dichiarazioni, il vicepresidente turco Fuat Oktay ha dal canto suo detto che il suo paese "non agisce in funzione delle minacce".

Ankara vorrebbe penetrare nel territorio siriano controllato dai curdi e instaurare una 'Safe zone' di 30 chilometri, in particolare per trasferirvi parte dei due milioni di rifugiati siriani presenti sul suo territorio.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.