Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Referendum consultivo Al voto l'autonomia di Lombardia e Veneto

Dopo tanto aspettare, finalmente si vota. L'appuntamento è per domenica. I cittadini lombardi e veneti devono esprimersi sul referendum consultivo per l’autonomia. Il quesito referendario che i cittadini troveranno sulla scheda non chiede lo statuto speciale per le due regioni, ma la concessione di una maggiore autonomia dallo Stato centrale. In Lombardia non è fissato nessun quorum, nel Veneto si.

La domanda sulla scheda in Lombardia è al quanto complessa: «Volete voi che la Regione LombardiaLink esterno, nel quadro dell’unità nazionale, intraprenda le iniziative istituzionali necessarie per richiedere allo Stato l’attribuzione di ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia, con le relative risorse, ai sensi e per gli effetti di cui all’articolo 116, terzo comma della Costituzione?».

Decisamente più semplice quella del Veneto: «Vuoi che alla Regione del VenetoLink esterno siano attribuite ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia?».

Alla fine, le dure regioni nel nord chiedono più o meno la stessa cosa: poter gestire direttamente in Regione, come previsto dall’articolo 116 della Costituzione italiana, più competenze e le relative risorse. Competenze di grande importanza legate soprattutto ad ambiente, istruzione, imprese, ricerca e innovazione, beni culturali, salute. 

Novità nella modalità di voto

La Lombardia Link esternosperimenta il voto elettronico, ovvero invece della solita scheda cartacea e matita, i cittadini lombardi esprimeranno il proprio voto attraverso un tablet. Costo dell'operazione: almeno 23 milioni di euro. In Veneto, invece, si voterà in modo tradizionale con le schede cartacee.

Il dato saliente sarà la partecipazione

La domanda non è tanto se i cittadini lombardi o veneti accettino o meno il quesito referendario. Il dato saliente sarà la partecipazione al voto. Se in Veneto sarà un successo una volta superato il quorum (maggioranza assoluta), in Lombardia il dato è più opinabile. In questi giorni i vari partiti e movimenti si sono espressi sul tema. Per il governatore Roberto Maroni, occorre almeno raggiungere la partecipazione del 34%, ovvero la quota raggiunta dal referendum costituzionale sul Titolo V del 2001. Ma più la partecipazione sarà alta, più il presidente della Regione Lombardia sarà legittimato a chiedere a Roma importanti deleghe.

Un "Sì" non significa subito autonomia

La chiamata alla urne dei governatori leghisti Maroni e Zaia — che in verità puntano a trattenere sul territorio una gran parte delle entrate fiscali trasferite dalle rispettive regioni a Roma — ha soprattutto una valenza politica: non porterà dunque automaticamente ad una maggiore autonomia per Lombardia e Veneto. Infatti secondo l’articolo 116 della Costituzione, dopo il voto bisognerà trattare con il governo centrale. Non solo. Si trovasse un'intesa tra regioni e Stato, il governo dovrà portare in Parlamento una proposta di legge che a sua volta dovrà essere approvata dalle Camere a maggioranza assoluta. Un iter non propriamente in discesa.

La vera domanda è però un'altra: se le trattative regioni-Stato dovessero portare a un nulla di fatto, cosa succederà? Il sogno di Maroni sarebbe quello di ottenere lo statuto di regione speciale. Lombardia come la Sicilia. 

 

 

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Abbonamento alla newsletter

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

Neuer Inhalt

Facebook Like-Box