Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Referendum consultivo sull'autonomia lombarda

I lombardi saranno chiamati alle urne il prossimo 22 ottobre sul referendum, consultivo, sull'autonomia della regione. Ieri infatti il presidente Roberto maroni ha firmato il decreto con cui si indice il referendum.

Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Referendum in Lombardia per una maggior autonomia

In breve, con il referendum viene chiesto ai cittadini se vogliono che la giunta regionale faccia richiesta allo Stato italiano per ottenere l'autonomia, come godono oggi già 5 regioni italiane . L’esito del voto comunque non è vincolante. La concessione di maggiore autonomia la pu?o concedere infatti solo lo stato centrale.

Da notare poi che l'esito del voto non sarà vincolante neppure per la nuova giunta regionale che verrà votata nel 2018.

Lo stesso referendum, lo stesso giorno, si terrà anche nel Veneto. Entrambe le regioni oggi sono rette dalla Lega Nord: Maroni per la Lombardia e Luca Zaia per il Veneto. Il progetto del doppio referendum è ormai una storia vecchia di un anno ed è considerato soprattutto un’azione politica. I due presidente infatti vogliono mostrare il consenso di cui godono le loro politiche. Con il referendum, dovesse essere accettato, si vuole dimostrare la volontà dei cittadini delle due regioni di ottenere maggiore autonomia e, soprattutto, la possibilità di trattenere una quantità maggiore delle imposte che vengono riscosse sul loro territorio. 

tvsvizzera.it/fra con RSI

×