La televisione svizzera per l’Italia

Terremoto in Marocco, la Svizzera offre il suo aiuto

Un minareto mezzo distrutto a Moulay Brahim, vicino a Marrekech.
Un minareto mezzo distrutto a Moulay Brahim, vicino a Marrekech. Copyright 2023 The Associated Press. All Rights Reserved.

La Svizzera ha offerto il suo aiuto alle autorità marocchine e ha attivato il suo stato maggiore di crisi. Il presidente della Confederazione Alain Berset ha presentato le condoglianze della Svizzera alle famiglie delle vittime del terremoto in Marocco.

“La Svizzera è solidale con il Marocco”, ha scritto Berset sulla rete sociale X (ex Twitter). I nostri pensieri sono rivolti agli uomini e alle donne marocchini colpiti da questo terribile terremoto, ha aggiunto il capo del Dipartimento federale dell’interno.

Dal canto suo, il Dipartimento degli affari esteri (DFAE) ha attivato la sua cellula di crisi, che analizza costantemente la situazione. Ha deciso inoltre di presentare un’offerta di aiuto al Marocco.

I dettagli di tale offerta di assistenza sono attualmente in fase di elaborazione e saranno adattati alle esigenze locali, hanno indicato i servizi di Ignazio Cassis. Il Marocco non ha ancora lanciato un appello di aiuto internazionale.

Contenuto esterno

Violento terremoto

Il terremoto durato una trentina di secondi ha colpito alle 23.11 di venerdì la zona a sud di Marrakech molto frequentata anche da turisti stranieri. Ha toccato magnitudo 7.2, secondo l’istituto sismologico di Rabat, e 6.8 per quello statunitense, con epicentro nella provincia di al Haouz.

Il bilancio continua ad aggravarsi, morti e feriti sono ormai più di mille e nei villaggi vicini all’epicentro, in particolare, i soccorritori continuano a scavare. Numerosi edifici sono crollati, fra cui una parte di un minareto sulla famosa piazza Jemaa el Fna di Marrakech, il cui centro storico è protetto dall’UNESCO. Il terremoto è stato avvertito lungo tutta la dorsale dell’Atlante.

Redog non andrà in Marocco

Da parte sua Redog, la Società svizzera per cani da ricerca e da salvataggio, non andrà molto probabilmente in Marocco, ha precisato la sua portavoce Linda Hornisberger.

I suoi esperti e i suoi cani si recano sul posto soltanto quando crollano grandi edifici e vi sono numerosi dispersi. Sebbene l’area interessata delle distruzioni non sia ancora nota con esattezza, sembra che le grandi città siano state ampiamente risparmiate dal sisma.

Oltre 2’500 Svizzeri nel Paese

Il DFAE al momento non dispone di informazioni secondo cui vi sarebbero state vittime svizzere. Il personale dell’ambasciata elvetica sta bene ed è operativo, è stato precisato.

Contenuto esterno


La linea telefonica di emergenza del DFAE ha ricevuto finora “circa due dozzine” di richieste da parte di cittadini svizzeri che soggiornano in Marocco. Attualmente sono 2’545 i cittadini elvetici ufficialmente registrati nel Paese africano.

Attualità

L'attrice Mikey Madison in una scena del film "Anora"

Altri sviluppi

A Cannes, “Anora” di Sean Baker vince la Palma d’oro

Questo contenuto è stato pubblicato al Al 77esimo Festival del film, il premio della giuria è andato a "Emilia Perez" di Jacques Audiard, mentre il premio speciale se lo è aggiudicato "Il seme del fico sacro", del regista dissidente Mohammad Rasoulof.

Di più A Cannes, “Anora” di Sean Baker vince la Palma d’oro
Kharkiv

Altri sviluppi

Nuovo pesante attacco russo su Kharkiv

Questo contenuto è stato pubblicato al L’esercito di Mosca colpisce, con due bombe plananti, un centro commerciale della seconda città ucraina. I morti potrebbero essere decine.

Di più Nuovo pesante attacco russo su Kharkiv
Sono circa 500 le persone che hanno partecipato in maniera pacifica.

Altri sviluppi

Un caso di cronaca scatena proteste contro la polizia e il Governo a Sciaffusa

Questo contenuto è stato pubblicato al La manifestazione si è svolta in risposta ad un servizio tv sulla vicenda di una donna violentata e picchiata nell'appartamento di un avvocato. Un caso per il quale le autorità non avrebbero agito come avrebbero dovuto.

Di più Un caso di cronaca scatena proteste contro la polizia e il Governo a Sciaffusa
Trump nel Bronx

Altri sviluppi

Trump nel Bronx per trovare sostenitori

Questo contenuto è stato pubblicato al Nel distretto newyorchese, abitato soprattutto da ispanici e afroamericani, l'ex presidente ha trovato diversi sostenitori.

Di più Trump nel Bronx per trovare sostenitori

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR