Dopo la canicola, il maltempo Carroponte travolto da un nubifragio a Basilea

Immagine scattata di notte; si distinguono dei binari, un uomo con gilet catarifrangente e si intravvede una struttura crollata

La struttura crollata.

Keystone

Il periodo di canicola che ha investito la Svizzera negli ultimi cinque giorni si è concluso venerdì sera con violenti nubifragi, che hanno colpito in particolare il nord-ovest del Paese. In alcuni casi, il forte vento e la pioggia hanno provocato danni.

Nel porto sul Reno di Birsfelden, cantone di Basilea Campagna, un carroponte è crollato a causa delle raffiche. Nessuno è rimasto ferito, precisa sabato in una notaLink esterno la polizia, ma i danni materiali sono ingenti, benché non sia ancora noto l'ammontare.

L'area rimarrà transennata fino a quando non saranno terminate le verifiche di stabilità di una struttura simile, situata nelle vicinanze.


La polizia di Basilea Campagna ha ricevuto in tutto 188 segnalazioni relative al temporale. Si tratta in gran parte di alberi divelti, rami caduti sulle strade e cantine allagate.

Intanto a Bienne, canton Berna, il festival musicale Lakelive è stato interrotto per circa un'ora. Il sito è stato fatto evacuare attorno alle 20 dagli organizzatori, avvertiti dalla polizia dell'allerta meteorologica. Non si sono verificati incidenti e gli spettatori, dopo il nubifragio, sono tornati nell'area della manifestazione dove alle 22 è iniziato il primo concerto.

Nel cantone, le centrali operative di intervento hanno ricevuto in tutto una settantina di chiamate per il maltempo in particolare dall'Oberland, dal Giura e dalla regione dei Laghi (Seeland), dove sono caduti alberi e alcune barche sono state danneggiate.

Cantine allagate e recinzioni di cantieri ribaltate sono state segnalate nel canton Soletta.

Mentre sul lago di Zugo due persone, che praticavano stand-up paddle e sono rimaste sull'acqua malgrado l'allerta meteo, hanno dovuto essere soccorse dai pompieri.

Parole chiave