Statistica forestale Abbondante raccolta di legname nel 2018

Primo piano della superficie recisa di tronchi di conifere tagliati

Bostrico e maltempo hanno costretto a incrementare la produzione.

© Keystone / Urs Flueeler

Il volume complessivo di legname raccolto nel 2018 in Svizzera è superiore dell'11% rispetto all'anno precedente e ha raggiunto i 5,2 milioni di metri cubi. È quanto si evince dal rapporto forestale dell'Ufficio federale di statistica UST, pubblicato martedì. Bostrico, siccità e tempeste sono le principali cause di quello che è il secondo più grande raccolto degli ultimi dieci anni.

L'abete rosso, che è la specie arborea più importante per la produzione di legno, è stato particolarmente colpito dalle infestazioni da bostrico tipografo, ciò che ha costretto i proprietari forestali a raccogliere più legname di conifere del previsto.

L'attacco del coleottero è stato favorito dalla siccità estiva, mentre in inverno sono state le tempeste a rendere necessario il taglio di un maggior numero di alberi.

Al contrario di altri raccolti, maggiori volumi di legname non portano solo vantaggi: i prezzi del legno grezzo per i tronchi di conifere sono diminuiti di circa il 2%, e con i prezzi si assottigliano i guadagni.

In una cartina, le superfici forestali in km2 per ognuna delle quattro zone forestali del Paese

Superfici forestali per zone forestali in Svizzera, nel 2018.

Ufficio federale di statistica UST

Sull'incremento, si legge in un comunicatoLink esterno, hanno inciso in particolare la raccolta di legname in tronchi (+14%, a 2,7 milioni di m3), di cippato per la produzione energetica (+10%, 1,16 mio di m3) e il legname industriale (+16%, 0,59 mio di m3).

 

Le circa 670 aziende forestali svizzere hanno registrato nel 2018 un deficit complessivo di 39 milioni di franchi a fronte di entrate per 539 milioni.

+ Statistica forestale svizzera 2018Link esterno


Parole chiave