La televisione svizzera per l’Italia

Politici elvetici in visita a Taiwan. L’ira di Pechino

La presidente Tsai Ing-wen con Fabian Molina.
Il socialista Fabian Molina con la presidente di Taiwan Tsai Ing-wen. Keystone

Una piccola delegazione del Parlamento svizzero è impegnata in una visita 'privata' a Taiwan. Lunedì è stata ricevuta dalla presidente di Taiwan Tsai Ing-wen. La Cina si dice profondamente preoccupata per la visita della delegazione e ricorda il principio di "una sola Cina" che gode di "consenso universale" ed è riconosciuto anche dalla Confederazione.

Dei 34 membri del gruppo di amicizia Svizzera-Taiwan, sono solo cinque quelli che si sono recati sull’isola di fatto indipendente ma rivendicata dalla Cina. La loro visita (due socialisti, due verdi e un udc) avviene a titolo privato. Non si tratta infatti di una delegazione ufficiale ma i colloqui con esponenti locali sono ai più alti livelli. Lunedi, infatti, la delegazione ha incontrato la presidente di Taiwan Tsai Ing-wen. Una visita che ha fatto storcere il naso a Pechino e, su richiesta della RSI, l’ambasciata cinese ha preso posizione: ha espresso “preoccupazione” e si è detta contraria “a ogni forma di contatto ufficiale fra le autorità di Taiwan e rappresentanti di Paesi che hanno relazioni diplomatiche” con Pechino.

Contenuto esterno

L’ambasciata cinese a Berna ricorda il principio di “una sola Cina” che gode di “consenso universale” ed è riconosciuto anche dalla Confederazione. La visita, quindi, servirebbe solo a creare nuove tensioni. I deputati “avrebbero dovuto contribuire maggiormente alla promozione e al mantenimento della pace mondiale, invece di viaggiare dall’Europa in guerra verso l’Asia per sostenere i separatisti taiwanesi”. Nella presa di posizione ci si augura inoltre che la Confederazione, Paese neutrale, e i suoi rappresentanti rimangano fedeli ai traguardi faticosamente raggiunti nei rapporti bilaterali fra Berna e Pechino invece di inviare “falsi segnali”.

Notoriamente Pechino non apprezza questo genere di missione – l’esempio recente più noto è quello della ex speaker della Camera statunitense Nancy Pelosi. E questo anche se Berna non riconosce ufficialmente l’indipendenza di Taiwan e non intrattiene con essa relazioni diplomatiche. In ottobre il console generale nella Confederazione, Zhao Qinghua, aveva già espresso il fastidio del suo Paese.

Attualità

La locomotiva Re 4/4 II

Altri sviluppi

Un’icona svizzera viaggia verso la pensione

Questo contenuto è stato pubblicato al Le locomotive RE 4/4 II dopo oltre 60 anni di apprezzata carriera nei prossimi anni verranno dismesse dalle Ferrovie federali svizzere.

Di più Un’icona svizzera viaggia verso la pensione
I soccorritori sul luogo dell'incidente dell'elicottero in cui viaggiava il presidente Raisi.

Altri sviluppi

Teheran conferma la morte del presidente Raisi

Questo contenuto è stato pubblicato al Il leader iraniano è morto nell'elicottero caduto in una regione montuosa nei pressi del confine con l'Azerbaigian.

Di più Teheran conferma la morte del presidente Raisi
Panoramica del teatro romano di Augusta Raurica, vicino a Basilea.

Altri sviluppi

La vita quotidiana dei romani ad Augusta Raurica

Questo contenuto è stato pubblicato al Nella Giornata internazionale dei musei, rievocazioni e laboratori per imparare a fare il pane o a decorare calici come si faceva duemila anni fa.

Di più La vita quotidiana dei romani ad Augusta Raurica
Elisabeth Baume-Schneider e Carine Bachmann

Altri sviluppi

“Il cinema svizzero può fiorire”

Questo contenuto è stato pubblicato al La consigliera federale Elizabeth Baume-Schneider, presente al Festival di Cannes, si dice fiduciosa per il futuro del cinema rossocrociato.

Di più “Il cinema svizzero può fiorire”
fotografie degli ostaggi di hamas

Altri sviluppi

Ostaggi in mano a Hamas, trattative sospese

Questo contenuto è stato pubblicato al Le trattative per la liberazione degli ostaggi in mano ad Hamas sono state sospese. Ad annunciarlo un'emittente israeliana.

Di più Ostaggi in mano a Hamas, trattative sospese

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR