La televisione svizzera per l’Italia

Per l’ex ministro svizzero Deiss “non ci sono alternative all’adesione all’UE”

Joseph Deiss
Joseph Deiss è stato membro del Governo dal 1999 al 2006. Nel 2010 ha presieduto l'Assemblea dell'ONU. KEYSTONE

Per il politico friburghese l'ingresso nell'UE rafforzerebbe la sovranità della Svizzera e risolverebbe molti problemi.

In un’intervista rilasciata martedì alla NZZ, l’ex consigliere federale Joseph Deiss si è schierato decisamente a favore dell’adesione della Svizzera all’Unione europea (UE). Allo stato attuale delle cose, “dobbiamo negoziare con fermezza, ma alla fine, ha affermato, c’è solo una strada per l’Europa: l’adesione”.

In attesa di questo evento futuro la Confederazione, ha precisato l’ex ministro degli Esteri e dell’Economia, si limita a passare da una soluzione provvisoria a un’altra, riferendosi implicitamente ai periodici negoziati condotti con Bruxelles per intese particolari.

+ Svizzera e UE lanciano i negoziati, ma l’ottimismo non abbonda

L’adesione non è un suicidio

Joseph Deiss non si preoccupa del fatto di essere isolato dalla sua posizione poiché ritiene, contrariamente all’opinione prevalente, che l’adesione all’UE “non sia un suicidio ma, al contrario, rappresenti un guadagno in termini di sovranità” per la Svizzera.

L’ex consigliere federale friburghese dell’allora Partito popolare democratico (oggi Il Centro) vede “cose da far rizzare i capelli” nell’attuale politica europea della Svizzera.

In particolare, riferendosi alla libera circolazione delle persone, dove, a suo avviso, si confondono “in modo perfido” i problemi che possono esserci nella politica dell’asilo con la questione della manodopera estera di cui il Paese ha bisogno.

+ Svizzera-UE: perché le relazioni sono così complicate?

In proposito Joseph Deiss ha osservato che i timori espressi al momento dell’accettazione del primo pacchetto di accordi bilaterali nel 2000 in materia di libera circolazione non si sono avverati ma è avvenuto esattamente il contrario: “Abbiamo visto più disoccupazione? C’è stata pressione sui salari? Niente affatto!”.

“Un errore storico”

Si constata piuttosto il fatto che in Svizzera ci sono 100’000 posti di lavoro non occupati e 26’000 posti di apprendistato vacanti.

In questo ambito il rifiuto nel 1992 del popolo svizzero allo Spazio economico europeo (SEE) è stato a suo giudizio un “errore storico”. Se la Svizzera avesse aderito all’organizzazione economica, rileva, molti dei problemi che abbiamo attualmente con l’UE sarebbero stati risolti molto tempo fa.

“Il nostro errore – precisa Joseph Deiss – è che ci ostiniamo a pensare, in quanto non membri, di avere il diritto di essere trattati meglio dei membri dell’UE”.

Attualità

L'attrice Mikey Madison in una scena del film "Anora"

Altri sviluppi

A Cannes, “Anora” di Sean Baker vince la Palma d’oro

Questo contenuto è stato pubblicato al Al 77esimo Festival del film, il premio della giuria è andato a "Emilia Perez" di Jacques Audiard, mentre il premio speciale se lo è aggiudicato "Il seme del fico sacro", del regista dissidente Mohammad Rasoulof.

Di più A Cannes, “Anora” di Sean Baker vince la Palma d’oro
Kharkiv

Altri sviluppi

Nuovo pesante attacco russo su Kharkiv

Questo contenuto è stato pubblicato al L’esercito di Mosca colpisce, con due bombe plananti, un centro commerciale della seconda città ucraina. I morti potrebbero essere decine.

Di più Nuovo pesante attacco russo su Kharkiv
Sono circa 500 le persone che hanno partecipato in maniera pacifica.

Altri sviluppi

Un caso di cronaca scatena proteste contro la polizia e il Governo a Sciaffusa

Questo contenuto è stato pubblicato al La manifestazione si è svolta in risposta ad un servizio tv sulla vicenda di una donna violentata e picchiata nell'appartamento di un avvocato. Un caso per il quale le autorità non avrebbero agito come avrebbero dovuto.

Di più Un caso di cronaca scatena proteste contro la polizia e il Governo a Sciaffusa
Trump nel Bronx

Altri sviluppi

Trump nel Bronx per trovare sostenitori

Questo contenuto è stato pubblicato al Nel distretto newyorchese, abitato soprattutto da ispanici e afroamericani, l'ex presidente ha trovato diversi sostenitori.

Di più Trump nel Bronx per trovare sostenitori

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR