La televisione svizzera per l’Italia

Le emissioni di gas a effetto serra vanno dimezzate

ciminiera emette fumo
La revisione della legge sul CO2 non piace agli ambienti di sinistra, che la trovano poco ambiziosa. Keystone / Jan Woitas

Nel dibattito sulla revisione della legge sul CO2, il Consiglio nazionale ha deciso che la Confederazione deve ridurre del 50% le emissioni di CO2 entro il 2030.  

Entro sette anni le emissioni di gas serra dovranno essere dimezzate rispetto al valore registrato nel 1990. È quanto prevede la revisione della legge sul CO2, accettata mercoledì dal Consiglio nazionale (la Camera bassa del Parlamento elvetico) con 136 voti contro 34 e 26 astenuti.

Elaborato dopo il “no” incassato in votazione popolare nel giugno 2021, il progetto governativo si riallaccia alla vigente legge sul CO2, prorogata dal Parlamento fino al 2024, e prevede misure per il periodo dal 2025 al 2030.

Altri sviluppi
gas di scarico di auto incolonnate

Altri sviluppi

La Legge sul CO2 torna in Parlamento

Questo contenuto è stato pubblicato al Si torna a discutere della Legge sul CO2 in Parlamento, due anni dopo che la popolazione l’ha respinta alle urne.

Di più La Legge sul CO2 torna in Parlamento

Il progetto consente alla Confederazione, in quanto firmataria dell’Accordo di Parigi, di investire negli anni in questione complessivamente circa 4,1 miliardi di franchi per la protezione del clima. L’aliquota della tassa sui combustibili non cambierà (120 franchi per tonnellata di CO2). La sinistra non è riuscita a portarla a 180 franchi.

Il progetto si basa su incentivi, integrati da incoraggiamenti e investimenti mirati, nei settori dell’edilizia, dell’industria, della finanza e della mobilità, ha dichiarato il solettese del Centro Stefan Müller-Altermatt, a nome della commissione. A suo avviso, il progetto è “misurato” e si basa su “strumenti noti”, senza introdurne di nuovi.

La sinistra ha deplorato un progetto che considera poco ambizioso, mentre l’Alleanza del Centro, il PLR e l’UDC hanno dal canto loro invocato pragmatismo, sostenendo la necessità di “soluzioni socialmente ed economicamente sostenibili”.

Nessuna nuova tassa

Il punto chiave, scaturito dai dibattiti, è che il Consiglio federale ha imparato la lezione dopo il “no” alla precedente versione sottoposta a votazione popolare nel 2021 e ha deciso di non introdurre nuove tasse o divieti. In particolare, sia al Consiglio degli Stati che al Nazionale, la sinistra non è riuscita a introdurre una tassa sui voli di jet privati e d’affari del peso pari o superiore a 5,7 tonnellate. L’idea era già stata respinta nel voto popolare. “Occorre chiedersi se sia legittimo e corretto ripresentarla”, ha precisato il liberal-radicale argoviese Matthias Samuel Jauslin, aggiungendo che l’aviazione d’affari è importante in alcune regioni, come negli aeroporti di Sion e Lugano.

Stazioni ricarica auto elettriche da promuovere

A differenza dei “senatori”, con 101 voti contro 95, i deputati hanno anche deciso di incoraggiare l’installazione di punti di ricarica per i veicoli elettrici negli edifici, nelle aziende e nei parcheggi pubblici. “C’è un bisogno di incoraggiamento”, si è detto d’accordo il “ministro” dell’ambiente Albert Rösti. A suo avviso, la mancanza d’infrastrutture è infatti il motivo principale per cui le persone non acquistano veicoli elettrici. UDC e il PLR erano contrari a questa nuova sovvenzione.

Il Consiglio nazionale ha inoltre deciso di fissare ad almeno il 75% la quota di emissioni di CO2 che la Confederazione deve ridurre a livello nazionale. Ha inoltre preso una serie di decisioni, soprattutto di natura tecnica. Il dossier ritorna ora al Consiglio degli Stati per l’appianamento delle divergenze.

Attualità

due tossici condividono una dose di fentanyl

Altri sviluppi

Il Fentanyl si fa strada in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al La città di Coira, capitale del canton Grigioni, è diventata uno dei maggiori centri di consumo di stupefacenti in Svizzera. Tra questi anche una "new entry": il Fentanyl.

Di più Il Fentanyl si fa strada in Svizzera
ape su un fiore

Altri sviluppi

In Svizzera il 45% delle api selvatiche è minacciato

Questo contenuto è stato pubblicato al A pochi giorni dalla Giornata internazionale delle api, che cade il 20 maggio, l'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM) ha pubblicato venerdì la nuova Lista rossa delle api, che fa il punto sulle specie minacciate.

Di più In Svizzera il 45% delle api selvatiche è minacciato
edificio in vetro

Altri sviluppi

La FIFA può trasferire la sua sede da Zurigo

Questo contenuto è stato pubblicato al Riunito venerdì a Bangkok, il Congresso della Federazione internazionale di calcio (FIFA) ha approvato una modifica al suo statuto che crea le basi per consentire eventualmente all'associazione di trasferire la sua sede da Zurigo. La FIFA è nella città sulla Limmat dal 1932.

Di più La FIFA può trasferire la sua sede da Zurigo
due persone attraversano una strada con bandiere arcobaleno

Altri sviluppi

In forte crescita le manifestazioni d’odio nei confronti della comunità LGBTIQ+

Questo contenuto è stato pubblicato al L'anno scorso sono stati segnalati 305 casi di ingiurie o attacchi verso persone lesbiche, gay, bisessuali, trans, non binarie, intersessuali e queer. Le violenze verbali e fisiche sono più che raddoppiate nel giro di un solo anno.

Di più In forte crescita le manifestazioni d’odio nei confronti della comunità LGBTIQ+
zofingen

Altri sviluppi

L’aggressore di Zofingen è un 43enne con turbe mentali

Questo contenuto è stato pubblicato al Nessuna delle sei persone ferite ieri, di cui due in modo grave, è in pericolo di morte. La procura ha intanto aperto un'inchiesta per tentato omicidio multiplo.

Di più L’aggressore di Zofingen è un 43enne con turbe mentali

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR