Navigation

La settimana in Svizzera

Scenari che diventeranno abituali: spettatori con la mascherina. Keystone / Gian Ehrenzeller

La notizia della settimana in Svizzera è il ritorno dei grandi eventi dopo la pandemia. Seguendo regole severe eventi sportivi, culturali, religiosi possono prevedere più di mille presenze. Intanto nuovi arresti in Svizzera per presunto terrorismo mentre è stata lanciata una nuova iniziativa per limitare il commercio bellico. Da ultimo, secondo Eurostat, in Ticino si vive a lungo. Solo a Madrid l'aspettative di vita è più alta in Europa.

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 ottobre 2020 - 22:29

Tornano i grandi eventi di oltre mille persone. Le esigenze da soddisfare per ricevere il via libera dai Cantoni sono però molto severe. Gli organizzatori devono presentare un piano di protezione e sperare che la situazione epidemiologica non peggiori, ciò che potrebbe comportare l'annullamento dell'evento.


Arresti in Svizzera per presunto terrorismo: agli imputati viene contestata la violazione della legge che vieta i gruppi "al-Qaida" e "Stato islamico" nonché le organizzazioni associate, e il sostegno o la partecipazione a un'organizzazione criminale.


Al via la campagna per limitare il commercio bellico. L'iniziativa propone di modificare la Costituzione federale affinché sia vietato alla Banca nazionale svizzera, alle Casse pensione e alle fondazioni investire in imprese che realizzano oltre il 5% del loro giro d'affari annuo con la fabbricazione di materiale bellico.


Secondo un recente studio PISA, riferito a prima della pandemia di coronavirus, la Svizzera non occupava una posizione lusinghiera nella classifica sulla situazione della formazione a distanza. Sentiamo il parere degli esperti.


Il Canton Ticino ha la seconda più alta aspettativa di vita in Europa, secondo i dati diffusi mercoledì dall'Ufficio statistico dell'Unione Europea (Eurostat). Con 85,2 anni, il sud della Svizzera segue soltanto la regione di Madrid (85,5).

tvsvizzera.it/fra

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.