La televisione svizzera per l’Italia

L’immigrazione al centro della campagna elettorale dell’Unione democratica di centro

persone sul binario di una stazione
Più persone significa spesso più pressione sulle infrastrutture. Per l'UDC è ora di frenare la crescita demografica. Keystone / Alessandro Della Valle

In vista delle elezioni federali in programma in ottobre, il partito della destra sovranista ha lanciato un'iniziativa popolare che mira a limitare l'immigrazione e, se necessario, a porre fine alla libera circolazione delle persone con l'UE.

I 310 delegati e delegate dell’Unione democratica di centro (UCD), riuniti sabato a Küssnacht, nel Canton Svitto, hanno sostenuto all’unanimità l'”Iniziativa per la sostenibilità”, denominata anche “No a una Svizzera da 10 milioni!

Come una vasca da bagno in cui nessuno chiude l’acqua

Elaborata dalla sezione zurighese del partito, l’iniziativa prevede che vengano presi provvedimenti se la popolazione residente supera il limite di 9,5 milioni di abitanti. Se verranno superati i 10 milioni prima del 2050, il Governo federale dovrà porre fine agli accordi che, secondo il partito, portano a un aumento della popolazione, come quello per la libera circolazione delle persone con l’UE.

Contenuto esterno

Solo una Svizzera numericamente limitata è sostenibile, ha spiegato il consigliere nazionale zurighese Thomas Matter, giustificando il nome dell’iniziativa.

La Svizzera è sovraffollata come una vasca da bagno in cui nessuno chiude l’acqua, ha detto Matter, aggiungendo che quasi tutti i problemi di cui soffre la Confederazione hanno a che fare con l’immigrazione e che molti elvetici si sentono stranieri nel loro Paese.

+ Dopo la crisi del coronavirus, l’immigrazione ha ripreso a crescere in Svizzera

Uno sviluppo demografico sostenibile è necessario per proteggere l’ambiente e l’efficienza delle infrastrutture, delle strutture sanitarie e scolastiche e dei servizi sociali, ha affermato ancora Matter, per il quale la “bella Svizzera” non merita di diventare una “seconda Hong Kong”.

Nel 2022 la Svizzera contava 8,8 milioni di persone residenti in modo permanente, di cui 2,3 con un passaporto straniero. Nell’arco di 20 anni la popolazione è cresciuta di 1,5 milioni di abitanti. Si prevede che molto probabilmente già quest’anno, si supererà la barriera dei 9 milioni.

+ Dove deve arrestarsi la crescita demografica svizzera?

Nel mirino anche la politica d’asilo

La decisione dei delegati è stata preceduta da una serie di interventi che hanno criticato l’immigrazione e, soprattutto, la politica di asilo della Svizzera. Il primo discorso è stato tenuto dal presidente del partito Marco Chiesa, il quale ha sostenuto che la maggior parte dei richiedenti l’asilo non sono poveri profughi, bensì “turisti dell’asilo che sfruttano il nostro sistema” e che hanno pagato ai trafficanti migliaia di franchi.

Chiesa non dà la colpa a loro, ma agli altri partiti e alla consigliera federale Elisabeth Baume-Schneider, responsabile da gennaio del Dipartimento di giustizia e polizia, che hanno lasciato che questo “sistema fallito” facesse il suo corso.

“Il nostro Paese è come un pallone che gonfiamo senza fermarci. Prima o poi scoppia”, ha aggiunto il consigliere nazionale vodese Michaël Buffat facendo allusione all’arrivo di 180’000 nuovi abitanti in Svizzera lo scorso anno, di cui 75’000 rifugiati ucraini e 25’000 richiedenti l’asilo.

Ripercussioni negative

Le conseguenze sono costi elevati, “caos” nelle scuole e carenza di alloggi, ha indicato Chiesa, secondo il quale arrivano soprattutto giovani uomini con un “alto potenziale di violenza”. L’integrazione non può avere successo in questo modo, ha proseguito.

A tale riguardo si è espresso anche Buffat, denunciando il fatto che gli stranieri sono sovrarappresentati fra i beneficiari di assicurazioni sociali e nelle prigioni. Parlando delle scuole ha anche sottolineato che, secondo lui, l’integrazione non è più possibile nelle classi in cui gli alunni elvetici sono minoritari.

“Con le leggi attuali, non è possibile tenere sotto controllo l’immigrazione”, ha dichiarato il consigliere nazionale zurighese Gregor Rutz. A suo avviso si tratta soprattutto di persone richiedenti l’asilo che non sono vittime di persecuzioni ma che vogliono approfittare della prosperità, perché sanno che una volta arrivati in Svizzera, possono restare.

Attualità

La droga sequestrata dalla polizia di Berna.

Altri sviluppi

Maxi sequestro di droga a Berna

Questo contenuto è stato pubblicato al Durante retate svolte questa settimana nei cantoni di Berna e Friburgo le forze dell'ordine hanno sequestrato circa una tonnellata di hashish e marijuana e arrestato diverse persone. Le indagini sono ancora in corso.

Di più Maxi sequestro di droga a Berna
Passeggeri in attesa all'aeroporto.

Altri sviluppi

Tilt informatico, problemi anche in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al Colpito soprattutto il traffico aereo a Zurigo-Kloten e il settore energetico, risparmiate invece le banche e la Borsa.

Di più Tilt informatico, problemi anche in Svizzera
Nemo all'ultima edizione dell'Eurovision Song Contest.

Altri sviluppi

L’Eurovision a Ginevra o Basilea

Questo contenuto è stato pubblicato al Scartate le candidature di Zurigo e Berna/Bienne. La sede della prossima edizione della seguitissima manifestazione canora continentale sarà decisa il prossimo mese.

Di più L’Eurovision a Ginevra o Basilea
Militari impegnati a Cevio (Valle Maggia)

Altri sviluppi

Maltempo, prorogato l’intervento dell’esercito in Ticino

Questo contenuto è stato pubblicato al L’Esercito prolunga fino al 28 luglio l’impiego di aiuto militare in caso di catastrofe in Ticino per poter concludere la costruzione del ponte a Cevio e ripristinare le strade di Val Bavona e Lavizzara.

Di più Maltempo, prorogato l’intervento dell’esercito in Ticino
Abbé Pierre

Altri sviluppi

Accuse di abusi sessuali contro l’Abbé Pierre

Questo contenuto è stato pubblicato al Sette donne, tra cui una minorenne ai tempi dei fatti contestati, sostengono di aver subito molestie sessuali, per lungo tempo, da parte del celebre presbitero francese.

Di più Accuse di abusi sessuali contro l’Abbé Pierre
Joe Biden

Altri sviluppi

Biden ha il Covid

Questo contenuto è stato pubblicato al Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha contratto l'infezione ma assicura di sentirsi bene. La notizia rischia però di far aumentare la pressione per un suo possibile ritiro dalla corsa elettorale

Di più Biden ha il Covid
La presidente Viola Amherd (a destra) con alcuni partecipanti al vertice della Comunità politica europea.

Altri sviluppi

Viola Amherd al quarto vertice della Comunità politica europea

Questo contenuto è stato pubblicato al Si è aperto oggi al Blenheim Palace di Woodstock, comune del sud dell'Inghilterra nei pressi di Oxford, il quarto vertice della Comunità politica europea (CPE).

Di più Viola Amherd al quarto vertice della Comunità politica europea

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR