La televisione svizzera per l’Italia

In Svizzera il 25% delle persone pensionate continua a lavorare

donna raccoglie foglie sec che in giardino
Rimanere attivi dopo i 65 anni: c'è chi rifiuta di andare in pensione. KEYSTONE

In Svizzera chi raggiunge l'età pensionabile non smette automaticamente di lavorare. Secondo uno studio del gruppo assicurativo Swiss Life, circa un quarto dei pensionati e delle pensionate continua a esercitare una professione.

Secondo l’analisi pubblicata mercoledì, circa 190’000 persone continuano a lavorare dopo i 65 anni. Questa percentuale (circa il 25%) rimane stabile a un livello elevato da anni. Nei Paesi limitrofi e in altri Paesi dell’Europa occidentale, invece, la quantità di lavoratori e lavoratrici in età pensionabile è in aumento da anni.

Secondo l’autore dello studio, Andreas Christen, non è chiaro il motivo della stagnazione nella Confederazione. A suo avviso, una delle ragioni potrebbe essere che negli ultimi anni i sistemi previdenziali all’estero hanno creato incentivi più forti per continuare a essere attivi sul mercato del lavoro.

+ Migliaia di persone anziane si ritrovano povere durante la pensione

Un’altra possibile spiegazione è il livello relativamente alto d’immigrazione in Svizzera negli ultimi due decenni. Questo potrebbe aver portato le aziende elvetiche a fare meno sforzi nei confronti di lavoratori e lavoratrici anziane.

Il ruolo secondario delle necessità finanziarie

Una certezza, tuttavia, è che la maggior parte delle persone che lavora pur avendo raggiunto l’età pensionabile lo fa solo a tempo parziale (in media, circa il 46%). Inoltre, una buona metà delle persone di età compresa tra i 65 e i 70 anni lavora in proprio o in un’azienda familiare. In termini di confronto, la percentuale è solo del 20% per le persone tra i 55 e i 59 anni.

Le ragioni finanziarie hanno solo un ruolo secondario: il 70% ha dichiarato di continuare a farlo perché ama il proprio lavoro. Solo un terzo circa ha indicato ragioni di carattere finanziario.

Tuttavia, rimane comunque chiaro che se le persone intervistate fossero “libere da vincoli”, una buona metà (55%) abbandonerebbe completamente il lavoro prima dei 65 anni.

Altri sviluppi
Esponenti della sinistra e dei sindacati, tra cui la deputata socialista Mattea Meyer, la presidente di UNIA Vania Alleva e il presidente dell'Unione sindacale svizzera Pierre-Yves Maillard, esultano dopo l'esito della votazione di domenica.

Altri sviluppi

Più soldi per le persone che ricevono una pensione svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al L’iniziativa che chiede di introdurre una 13esima mensilità dell’Assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti è stata accolta dal 58% dell’elettorato. Un risultato storico che solleva però alcuni interrogativi.

Di più Più soldi per le persone che ricevono una pensione svizzera

D’altra parte, una metà scarsa sarebbe disposta a lavorare più a lungo “a determinate condizioni”, secondo Christen. Queste includono un buon ambiente lavorativo o l’apprezzamento da parte del datore di lavoro. Quali condizioni per continuare nell’attività professionale sono stati spesso citati anche gli aspetti finanziari, come una rendita più elevata (38%) o la possibilità di ridurre la percentuale di lavoro (35%).

“La disponibilità a continuare a lavorare dopo l’età pensionabile dipende, tra l’altro, dalla situazione lavorativa e di salute che si percepisce”, spiega Christen.

Ad esempio, esistono chiare differenze tra le categorie professionali e le dimensioni dell’azienda. Mentre poco più della metà di chi ha un’occupazione d’ufficio sarebbe più disposta a lavorare in età pensionabile, due terzi dei “colletti blu” o di chi lavora in ambito sanitario lo escludono.

Inoltre, la disponibilità a continuare a lavorare è maggiore in un’azienda con un massimo di nove dipendenti. Al contrario, in società con più di 250 dipendenti è improbabile che le persone si lascino convincere ad andare in pensione più tardi.

Attualità

Container al porto fluviale di Basilea.

Altri sviluppi

Ripresa del commercio estero svizzero

Questo contenuto è stato pubblicato al Dopo un inizio d'anno poco dinamico le esportazioni sono tornate a crescere con vigore nel secondo trimestre.

Di più Ripresa del commercio estero svizzero
Il Tribunale penale federale a Bellinzona.

Altri sviluppi

Algerino rinviato a giudizio per terrorismo

Questo contenuto è stato pubblicato al Per la Procura federale il presunto militante dello Stato Islamico (ISIS), la cui domanda d'asilo in Svizzera era stata respinta, progettava un attentato in Francia.

Di più Algerino rinviato a giudizio per terrorismo
Traffico veicolare in una città svizzera.

Altri sviluppi

Radar anti-rumore a Ginevra

Questo contenuto è stato pubblicato al La Confederazione ha testato lo scorso anno nella città di Calvino alcuni nuovi apparecchi, nell'ambito di un progetto pilota che ha lo scopo di sanzionare in modo più efficace il rumore eccessivo sulle strade.

Di più Radar anti-rumore a Ginevra
prigionieri di guerra salgono su un bus.

Altri sviluppi

Scambio di prigionieri tra Mosca e Kiev

Questo contenuto è stato pubblicato al Russia e Ucraina hanno liberato 95 prigionieri di guerra a testa, a meno di un mese dal precedente scambio.

Di più Scambio di prigionieri tra Mosca e Kiev
La capsula Sarco per l'eutanasia assistita.

Altri sviluppi

Capsula per suicidio Sarco: primo impiego entro l’anno

Questo contenuto è stato pubblicato al Una nuova associazione di aiuto al suicidio, The Last Resort, ha presentato ufficialmente oggi la capsula per suicidio Sarco. Ma polemiche e dubbi non mancano.

Di più Capsula per suicidio Sarco: primo impiego entro l’anno
Veduta del piccolo villaggio di Chaux-du-Milieu

Altri sviluppi

“Troppi bimbi”, stop alle nuove famiglie a Chaux-du-Milieu

Questo contenuto è stato pubblicato al Il piccolo comune neocastellano ha deciso di porre un freno all'arrivo di nuove famiglie sul suo territorio poiché la presenza di molti bambini e bambine sta creando insolubili problemi alle casse pubbliche.

Di più “Troppi bimbi”, stop alle nuove famiglie a Chaux-du-Milieu
Area Schengen in un aeroporto UE.

Altri sviluppi

Frontiere Schengen, 300 milioni dalla Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al La dotazione globale del fondo per il presidio dei confini UE è di 6,2 miliardi di euro, di cui una cinquantina torneranno nella Confederazione per l'implementazione dei nuovi sistemi di informazione e scambio dati.

Di più Frontiere Schengen, 300 milioni dalla Svizzera

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR