Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

In pillole La settimana in Svizzera

La settimana elvetica è stata contraddistinta dalla non firma dell'accordo quadro tra Svizzera e Ue. Intanto la stessa Confederazione ha ricordato che i propri cittadini non possono essere estradati all'estero, fossero anche terroristi. Il parlamento ha poi rigettato una legge a difesa dei "whistleblower" ma ha coperto di miliardi le ferrovie federali. E iniziati i mondiali di calcio femminile in Francia, la Fifa ha riconfermato Infantino.

Un treno delle FFS fermo in stazione a Zurigo

Il nuovo treno Giruno che da poche settimane fa spola tra nord e sud delle Alpi.

(© Keystone / Walter Bieri)


I rapporti Svizzera e Unione europea per ora non saranno regolati da un accordo quadro. Il governo ha deciso di rinviarne la firma chiedendo a Bruxelles di rivedere alcuni punti fondamentali per la Confederazione.

Dubbi e ripensamenti La Svizzera per ora non firma l'accordo quadro con l'Ue

L'esecutivo federale, chiede chiarimenti su protezione dei lavoratori, aiuti di Stato e direttiva sulla cittadinanza europea.

Questo contenuto è stato pubblicato il 7 giugno 2019 21.18


Il brigatista Alvaro Lojacono-Baragiola non può essere estradato in Italia: è il parere del governo svizzero in risposta a una mozione presentata in marzo dal deputato della Lega dei ticinesi Lorenzo Quadri, che chiedeva di consentire la consegna a Stati esteri di cittadini svizzeri condannati per terrorismo.


La Camera bassa del Parlamento elvetico ha bocciato un progetto del governo volto a proteggere i cosiddetti "whistleblower", i dipendenti che segnalano irregolarità sul posto di lavoro. Secondo i deputati le norme proposte sono troppo complicate.

Parlamento Protezione dei whistleblower, progetto "troppo complesso"

La Camera bassa del Parlamento elvetico ha bocciato un progetto volto a proteggere i dipendenti che segnalano irregolarità sul posto di lavoro.

Questo contenuto è stato pubblicato il 3 giugno 2019 21.01

Una pioggia di miliardi per l'infrastruttura ferroviaria: approvata la Fase di ampliamento 2035 che prevede spese per oltre 12 miliardi di franchi allo scopo di eliminare le strozzature della rete e potenziare il servizio passeggeri e merci.


Gianni Infantino, 49enne italo-svizzero, è stato riletto alla testa del calcio mondiale.  La conferma è avvenuta per acclamazione dai 211 membri del Congresso della Fifa. Infantino era l'unico candidato alla sua successione. Infantino è stato eletto per la prima volta alla presidenza della Fifa nel febbraio 2016 per completare il mandato del suo predecessore Sepp Blatter.

Calcio Infantino rieletto alla presidenza della Fifa

Come da pronostico, Gianni Infantino è stato rieletto presidente della Federazione internazionale di calcio (Fifa). Resterà in carica per i ...

Questo contenuto è stato pubblicato il 5 giugno 2019 17.22


Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Inscrivez-vous à notre newsletter gratuite et recevez nos meilleurs articles dans votre boîte mail.

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.







Neuer Inhalt

Facebook Like-Box