La televisione svizzera per l’Italia

Il vertice per la pace in Ucraina ancora nel 2024, afferma Viola Amherd

La Presidente della Confederazione Viola Amherd parla ai giornalisti a Davos
"La Russia probabilmente non sarà presente, ma stiamo cercando di discutere con tutti gli altri", ha detto Amherd. © Keystone / Laurent Gillieron

La conferenza organizzata dalla Svizzera si terrà il più presto possibile, quasi certamente ancora quest'anno, dichiara la presidente della Confederazione.

In un’intervista pubblicata sabato dal settimanale Schweiz am Wochenende Viola Amherd asserisce che “l’obiettivo è di organizzare questo vertice il prima possibile; dovrebbe certamente tenersi nel 2024”.

“La Russia probabilmente non sarà presente, ma stiamo cercando di discutere con tutti gli altri”, precisa la presidente della Confederazione, lasciando però intendere che Berna è in contatto anche con Mosca. “La Svizzera parla con tutti. Negli ultimi giorni mi è stato segnalato più volte quanto ciò sia importante e quanto tutti siano felici che qualcuno possa farlo. I canali di comunicazione esistono e sono aperti”.

+ Un vertice in Svizzera potrebbe portare la pace in Ucraina?

Naturalmente c’è un piccolo rischio di non riuscire a organizzare la riunione, ammette Viola Amherd, aggiungendo però che se la Svizzera non prova, sicuramente non ci riuscirà. “Bisogna anche avere il coraggio di dire qualche volta: tenteremo e faremo del nostro meglio”.

“Non possiamo aspettarci un piano di pace già pronto alla fine del nostro vertice”, ammette comunque la ministra della difesa. “Ma se riusciremo ad avviare un processo di pace, avremo già ottenuto molto”.

Secondo Amherd, sarebbe un successo se vi partecipasse un’ampia gamma di Paesi, compresi quelli del Sud – in particolare Sudafrica, India, Brasile e Arabia Saudita – e se possibile la Cina. Il ministro degli esteri Ignazio Cassis si recherà proprio in Cina all’inizio di febbraio, come previsto da tempo.

A quasi due anni dall’invasione russa dell’Ucraina, il futuro del Paese è stato il tema dell’incontro tenutosi domenica scorsa a Davos tra il governo di Kiev e i rappresentanti di oltre 80 Paesi e organizzazioni. Al centro delle discussioni c’era un piano di pace in dieci punti proposto dall’Ucraina.

+ Durante i colloqui a Davos, Ucraina e Svizzera hanno convinto un numero crescente di Paesi a sostenere un piano di pace in dieci punti


Attualità

Manifestazioni contro Netanyahu.

Altri sviluppi

Mandato d’arresto contro i leader israeliani e di Hamas

Questo contenuto è stato pubblicato al Mandati di arresto nei confronti del premier israeliano Benjamin Netanyahu e il suo ministro della Difesa Yoav Gallant come anche del leader di Hamas Yahya Sinwar per "crimini di guerra e crimini contro l'umanità".

Di più Mandato d’arresto contro i leader israeliani e di Hamas
La locomotiva Re 4/4 II

Altri sviluppi

Un’icona svizzera viaggia verso la pensione

Questo contenuto è stato pubblicato al Le locomotive RE 4/4 II dopo oltre 60 anni di apprezzata carriera nei prossimi anni verranno dismesse dalle Ferrovie federali svizzere.

Di più Un’icona svizzera viaggia verso la pensione
I soccorritori sul luogo dell'incidente dell'elicottero in cui viaggiava il presidente Raisi.

Altri sviluppi

Teheran conferma la morte del presidente Raisi

Questo contenuto è stato pubblicato al Il leader iraniano è morto nell'elicottero caduto in una regione montuosa nei pressi del confine con l'Azerbaigian.

Di più Teheran conferma la morte del presidente Raisi
Panoramica del teatro romano di Augusta Raurica, vicino a Basilea.

Altri sviluppi

La vita quotidiana dei romani ad Augusta Raurica

Questo contenuto è stato pubblicato al Nella Giornata internazionale dei musei, rievocazioni e laboratori per imparare a fare il pane o a decorare calici come si faceva duemila anni fa.

Di più La vita quotidiana dei romani ad Augusta Raurica
Elisabeth Baume-Schneider e Carine Bachmann

Altri sviluppi

“Il cinema svizzero può fiorire”

Questo contenuto è stato pubblicato al La consigliera federale Elizabeth Baume-Schneider, presente al Festival di Cannes, si dice fiduciosa per il futuro del cinema rossocrociato.

Di più “Il cinema svizzero può fiorire”

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR