La televisione svizzera per l’Italia

I liberali e le loro ricette per rendere più forte la Svizzea

Il presidente del Partito liberale radicale Thierry Burkart.
Il programma del partito poggia su tre pilastri: rafforzamento dell'economia, maggiore sicurezza, anche nell'approvvigionamento, e garanzia di un sistema pensionistico sostenibile. © Keystone / Gian Ehrenzeller

Con lo slogan "Rendiamo forte la Svizzera!" i delegati del Partito liberale radicale, in assemblea a Kreuzlingen nel canton Turgovia, hanno lanciato la campagna in vista delle elezioni federali del 22 ottobre. L'obiettivo è più concretezza e meno velleità. Approvata la legge sul clima, in votazione popolare il 18 giugno.

Il programma adottato in mattinata di sabato ruota attorno a tre assi principali: rafforzamento dell’economia, maggiore sicurezza, anche nell’approvvigionamento, e garanzia di un sistema pensionistico sostenibile. I temi portanti sono quelli classici del partito, ossia libertà e responsabilità, il privato prima dello Stato, la creazione di ricchezza prima della ridistribuzione.

Libertà e responsabilità sono due valori posti in risalto anche dal presidente del partito, Thierry Burkart, nel suo discorso. Nel suo intervento, Thierry Burkart ha anche fatto riferimento all’operazione “necessaria” di salvataggio del Credit Suisse. La consigliera federale Karin Keller-Sutter ha descritto la situazione ed evocato la pressione. Ora c’è bisogno di chiarimenti e di una migliore regolamentazione, è stato sostenuto. Burkart si è espresso dal canto suo a favore dell’indipendenza di Credit Suisse Svizzera.

Altro tema all’ordine del giorno è stato quello della neutralità. Non è un concetto fine a se stesso, ha rilevato Burkart, chiedendosi perché si debba impedire ad altri di riesportare armi. Per quanto riguarda l’approvvigionamento energetico sono necessarie tutte le tecnologie, compresa quella nucleare, ha poi puntualizzato.

Contenuto esterno

Sì alla legge sul clima

Seguendo la direzione del partito, i delegati hanno deciso – con 234 voti a 51 – di raccomandare al popolo il prossimo 18 giugno di approvare la nuova legge riguardante gli obiettivi in materia di protezione del clima, l’innovazione e il rafforzamento della sicurezza energetica.

La direzione del partito ha ammesso che il testo non è perfetto dal punto di vista liberale a causa delle sovvenzioni che comporta. A suo avviso traspare però la possibilità di raggiungere gli obiettivi climatici attraverso un’attuazione flessibile, la sicurezza nella pianificazione e un margine di manovra per le aziende.

Per raggiungere la neutralità climatica in Svizzera entro il 2050, la nuova legge sul clima prevede la sostituzione dei sistemi di riscaldamento a olio, gas ed elettricità per un ammontare di 2 miliardi di franchi. Mira inoltre a sostenere le aziende artigianali e industriali che utilizzano tecnologie innovative per una produzione rispettosa del clima con 1,2 miliardi di franchi.
 

Attualità

Klaus Schwab durante l'ultimo WEF.

Altri sviluppi

Klaus Schwab lascia la presidenza esecutiva del WEF di Davos

Questo contenuto è stato pubblicato al Klaus Schwab, fondatore del Forum economico mondiale di Davos (WEF) lascia la sua carica di presidente esecutivo. L'86enne lo ha annunciato martedì in una mail allo staff.

Di più Klaus Schwab lascia la presidenza esecutiva del WEF di Davos
Il monte Fuji e in primo piano il supermercato della catena nipponica.

Altri sviluppi

Il Monte Fuji e la lotta al turismo giornaliero

Questo contenuto è stato pubblicato al Una cittadina presa d'assalto per la sua vista sul Monte Fuji non ha optato per una tassa ma a pensato a qualcosa di parecchio diverso.

Di più Il Monte Fuji e la lotta al turismo giornaliero
Un'immagine virtuale di un robot.

Altri sviluppi

Dall’UE la prima legge al mondo che regola l’intelligenza artificiale

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Consiglio dell'Unione europea ha dato il via libera all'AI Act, ovvero alla legge europea sull'intelligenza artificiale che disciplina lo sviluppo, l'immissione sul mercato e l'uso dei sistemi di intelligenza artificiale nell'UE

Di più Dall’UE la prima legge al mondo che regola l’intelligenza artificiale
L'aula della CEDU.

Altri sviluppi

La Commissione degli affari giuridici critica la decisione della CEDU

Questo contenuto è stato pubblicato al Per la Commissione degli affari giuridici del Consiglio degli Stati, non vi è motivo di dare seguito alla sentenza della Corte europea dei diritti dell'Uomo contro la Svizzera per violazione dei diritti umani in ambito ambientale.

Di più La Commissione degli affari giuridici critica la decisione della CEDU
L'etichetta colorata di Nutri-Score.

Altri sviluppi

Migros rinuncia alle etichette Nutri-Score

Questo contenuto è stato pubblicato al La decisione del numero uno svizzero del commercio al dettaglio è stata fortemente criticata dalla Fondazione per la protezione dei consumatori.

Di più Migros rinuncia alle etichette Nutri-Score
Il premier Benjamin Netanyahu (sinistra) e il ministro della difesa Yoav Gallant.

Altri sviluppi

Gaza, Israele rigetta le accuse dell’Aia

Questo contenuto è stato pubblicato al Tutti i partiti israeliani difendono il premier Netanyahu e il ministro della difesa Gallant, accusati di crimini di guerra e contro l’umanità dal procuratore capo della Corte penale internazionale dell'Aia.

Di più Gaza, Israele rigetta le accuse dell’Aia

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR