La televisione svizzera per l’Italia

Guerra in Ucraina, entro l’estate la “conferenza ad alto livello” in Svizzera

Ignazio Cassis a New York.
Ignazio Cassis a New York. KEYSTONE/Copyright 2024 The Associated Press. All rights reserved.

Raggiungere una pace giusta e duratura: è questo l'obiettivo in Ucraina, ha detto oggi Ignazio Cassis all'Assemblea generale delle Nazioni Unite annunciando che il vertice si terrà entro l'estate.

Il ministro svizzero degli Affari esteri Ignazio Cassis ha sottolineato oggi davanti al Consiglio dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE) la necessità di una pace giusta in Ucraina. Il ministro, che ha partecipato virtualmente al Consiglio dell’OSCE da New York prima di intervenire all’Assemblea generale delle Nazioni Unite, ha parlato di una “conferenza ad alto livello” entro l’estate a Ginevra, in Svizzera.

Contenuto esterno

Occorre trovare “un percorso realistico per la pace in Ucraina”, ha detto oggi Cassis alle Nazioni Unite. Precedentemente, nel discorso video al Consiglio permanente dell’OSCE, aveva detto che un eventuale incontro in Svizzera sulla pace in Ucraina sarebbe stato “solo una tappa”. “Sappiamo tutti che un importante vertice di pace richiederà diverse fasi”, ha affermato Cassis.

All’Assemblea generale, il suo omologo ucraino Dmitro Kuleba ha insistito su un vertice. Questo, ha detto, permetterà un “approccio equo e globale” della pace, che è anche uno degli obiettivi dichiarati da Berna. E “la Russia non avrà altra scelta” se non quello di discutere, ha aggiunto.

L’obiettivo che si prefigge la ConfederazioneCollegamento esterno è che il maggior numero possibile di nazioni condivida una visione comune di una pace giusta e duratura in Ucraina, ha detto il consigliere federale.

La “pace giusta” comprende il ristabilirsi della popolazione, il rispetto dello Stato di diritto e dei diritti umani, la responsabilità, la giustizia per le vittime e il riconoscimento del diritto internazionale.

+ Colloquio Cassis-Lavrov a New York

Alla vigilia del secondo anniversario dall’inizio del conflitto, avvenuto il 24 febbraio 2022, la Svizzera chiede quindi nuovamente alla Russia di ritirare le sue truppe dal territorio sovrano dell’Ucraina e di rispettare l’integrità territoriale del Paese, ha dichiarato il responsabile del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE).

Il secondo anniversario dell’inizio dell’attacco militare russo all’Ucraina segna anche due anni di morte, distruzione e sofferenze inimmaginabili per il popolo ucraino.

La guerra deve cessare perché rappresenta una minaccia per la sicurezza nucleare e ha un impatto dannoso sulla sicurezza alimentare globale e sull’ambiente, ha dichiarato Cassis.

Attualità

Trump nel Bronx

Altri sviluppi

Trump nel Bronx per trovare sostenitori

Questo contenuto è stato pubblicato al Nel distretto newyorchese, abitato soprattutto da ispanici e afroamericani, l'ex presidente ha trovato diversi sostenitori.

Di più Trump nel Bronx per trovare sostenitori
binari in tunnel

Altri sviluppi

Tunnel di base del San Gottardo, sostituiti sette chilometri di binari

Questo contenuto è stato pubblicato al Dall'inizio dei lavori di riparazione lo scorso ottobre, sono stati sostituiti sette chilometri di binari nel tunnel ferroviario di base del San Gottardo ed è attualmente in corso l'installazione di un nuovo portone di cambio binario, indicano le FFS.

Di più Tunnel di base del San Gottardo, sostituiti sette chilometri di binari
dottoressa esamina orecchio di una paziente

Altri sviluppi

Entro il 2033 mancheranno più di 2’300 medici in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al Nei prossimi 10 anni la medicina interna generale perderà il 44% degli impieghi a tempo pieno principalmente a causa dei pensionamenti e della riduzione dei tassi di occupazione.

Di più Entro il 2033 mancheranno più di 2’300 medici in Svizzera
maxi schermo

Altri sviluppi

La Cina fa ancora la voce grossa attorno a Taiwan

Questo contenuto è stato pubblicato al A tre giorni dall'insediamento alla presidenza dell'isola di William Lai, ritenuto da Pechino un "pericoloso separatista", l'esercito cinese ha mobilitato aerei e navi da guerra per delle esercitazioni al largo di Taiwan.

Di più La Cina fa ancora la voce grossa attorno a Taiwan
Tino Chrupalla,

Altri sviluppi

L’AFD espulsa dal gruppo Identità e democrazia al Parlamento europeo

Questo contenuto è stato pubblicato al L'Alternative für Deutschland è stato espulso dal gruppo che riunisce, tra gli altri, la Lega e il Rassemblement National di Marine Le Pen. Il partito di estrema destra tedesco è finito sotto i riflettori per una serie di scandali.

Di più L’AFD espulsa dal gruppo Identità e democrazia al Parlamento europeo

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR