Navigation

Beirut, altri aiuti dalla Svizzera mentre cresce la rabbia dei cittadini

A Beirut sono già presenti 20 esperti elvetici. Copyright 2020 The Associated Press. All Rights Reserved.

Mentre dalla Svizzera partono nuovi aiuti alla volta del Libano, la Radiotelevisione svizzerotedesca ha visitato Beirut, dove ha raccolto le testimonianze di una volontaria e di una ex parlamentare. 

Questo contenuto è stato pubblicato il 14 agosto 2020 - 21:08

Altri aiuti sono partiti venerdì dalla Svizzera alla volta di Beirut, devastata dalle esplosioni di una decina di giorni fa. In mattinata, sei specialisti del Corpo svizzero di aiuto umanitario (CSA) sono decollati da Berna-Belp alla volta del Libano, indica oggi il DFAE.

A bordo dell'aereo anche 1,5 tonnellate di materiale per le cure mediche di base nei settori della chirurgia, della pediatria e dell'ostetricia.

Nella capitate libanese vi sono già 20 esperti elvetici che partecipano alle riunioni quotidiane di coordinamento con i rappresentanti libanesi e degli altri Paesi presenti. La Svizzera ha inoltre annunciato un contributo di 4 milioni di franchi per sostenere la popolazione libanese.

Il parlamento libanese giovedì ha prolungato lo stato di emergenza, ma nella capitale, a 10 giorni dall'esplosione, sono i cittadini che si danno da fare per tentare di ripulire la città. Delle istituzioni non c'è traccia.

Tra questi Mireille Choufani, volontaria per Onused. Ferita nell'esplosione, si fa portavoce ai microfoni della Radiotelevisione svizzera della rabbia di molti. I politici "non ci hanno mai ascoltato. Ma se non lo faranno adesso allora non saremo piacevoli con loro. Ne abbiamo abbastanza", dice. 

 Paula Yacoubian, ex parlamentare indipendente, si è dimessa dopo l'esplosione. Anche le sue parole nei confronti della classe dirigente sono dure.  "Quello che fanno è creare il panico! Giorno e notte  ci inculcano che i cristiani sono cristiani, i musulmani sono musulmani, mettono gli sciiti contro i sunniti e i sunniti e i cristiani contro tutti e alla fine - e questo è davvero spaventoso -  è così che fanno in modo di restare al potere!"

Qui sotto il reportage completo:

Contenuto esterno


tvsvizzera.it/Zz/ats con RSI (TG del 24.08.2020)

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.