La televisione svizzera per l’Italia

Conducenti sempre più in coda sulle strade svizzere

Una delle frequenti code al San Gottardo.
Una delle frequenti code al San Gottardo. Keystone / Urs Flueeler

I dati pubblicati nel Rapporto sulla viabilità 2023 indicano che la rete stradale elvetica è prossima alla saturazione. Situazione critica soprattutto nell'agglomerato di Zurigo e a sud delle Alpi.

Nonostante le numerose misure adottate da Berna per ottimizzare il flusso veicolare, le strade nazionali non sono più in grado di assorbire il surplus di traffico generato dalla domanda. Lo si evince chiaramente dalle cifre rese note dall’Ufficio federale delle strade (USTRA)Collegamento esterno secondo cui l’anno scorso si è registrato un aumento del 22,4%, rispetto all’anno precedente, delle ore di coda, salite alla quota record di 48’807 ore.

Più nel dettaglio, dei quasi 30 miliardi di veicoli-chilometro, l’84% (24,9 miliardi) è stato percorso da automobili (+2,9 %). Anche per il trasporto merci la rete nazionale riveste un’importanza cruciale, come dimostra la quota del 68,3% di veicoli-chilometro riferita a camion, furgoni e altri veicoli commerciali.

Sono cresciuti dell’1,5%, a 29,6 miliardi, anche i veicoli-chilometro (l’84 % è stato percorso da automobili che hanno segnato un incremento del 2,9 %). Il divario tra queste due percentuali – aumento dei veicoli-chilometri percorsi dell’1,5% che corrisponde a una progressione del 22,4% delle ore passate incolonnati nel traffico – dimostra bene tutti i limiti dell’attuale infrastruttura stradale, indica l’USTRA.

L’evoluzione in corso, rileva Berna, mette a dura prova la stabilità e la resilienza del sistema. Nonostante le numerose misure adottate per ottimizzare il flusso veicolare, le strade nazionali non sono infatti più in grado di assorbire il surplus di traffico generato dalla domanda e “i potenziamenti in alcune tratte sono ormai ineludibili”.

Il servizio del TG:

Contenuto esterno

Situazione più critiche a Zurigo e Ticino

A livello regionale, le situazioni più critiche si registrano nell’agglomerato di Zurigo, con 13’331 ore in colonna, seguito dal Ticino, con circa 5’000 ore nel traffico congestionato (+34% in un anno). Ma un po’ in tutti gli agglomerati urbani vi sono problemi di viabilità acuti (dopo Zurigo e Ticino, seguono Basilea, Berna, Ginevra e Losanna).

In Ticino, interessato dall’intenso traffico frontaliero e dalla direttrice internazionale del San Gottardo verso la Lombardia, sono costantemente sotto pressione le tratte dell’autostrada A2 fra Bellinzona e Chiasso, compresa la diramazione Mendrisio-Stabio, e la diramazione A12/A13 a Bellinzona sud in direzione di Locarno (e i conseguenti rallentamenti lungo il piano di Magadino, nella regione del Lago Maggiore).

Naturalmente sono coinvolti, soprattutto in coincidenza con gli esodi primaverili ed estivi dei vacanzieri/e, i portali nord e sud della galleria stradale del San Gottardo e in misura minore l’asse del San Bernardino. Un altro troncone particolarmente sollecitato riguarda l’A1, fra Ginevra e St. Margrethen (San Gallo).

In proposito va sottolineato che autostrade, semiautostrade e strade nazionali di terza classe, di competenza della Confederazione, pur rappresentando appena il 3% in termini di estensione rispetto all’intera rete viaria del Paese, hanno assorbito il 45% del chilometraggio totale del traffico.

Potenziamenti non procrastinabili

I sistemi su cui la Confederazione punta per rimediare al problema nell’immediato, tra cui gli impianti di limitazione dinamica della velocità o le corsie dinamiche, in alcuni tratti non sono più sufficienti per far fronte alla crescita futura dei volumi di traffico.

Pertanto, secondo l’USTRA, è necessario ricorrere a potenziamenti mirati volti a risolvere le criticità più gravi. Dal profilo politico, i progetti di ampliamento sono inseriti e classificati per priorità nel Programma di sviluppo strategico (PROSTRA), aggiornato e presentato al Parlamento ogni quattro anni.

Un percorso che comunque non è esente da rischi e opposizioni. L’autostrada A1, ad esempio, dovrà essere ampliata a sei corsie nei punti più critici, secondo quanto hanno stabilito le Camere federali, in sintonia con la strategia a lungo termine del Governo. Ma la decisione ha suscitato resistenze che si sono concretizzate con la riuscita del referendum su cui la popolazione dovrebbe votare in autunno.

Altri sviluppi

Anche sulla trafficatissima tratta autostradale Losanna-Ginevra i pareri non sono unanimi.

Alcuni provvedimenti sul tavolo

A livello locale vengono poi avanzate le più disparate proposte. Il Canton Uri ha promosso un’iniziativa cantonale attualmente all’esame delle Camere federali per promuovere una serie di misure, tra le quali un sistema di prenotazione online dei transiti all’interno della galleria autostradale del San Gottardo, bocciato però dal Consiglio federale poiché a suo giudizio richiederebbe, tra le altre cose, vaste aree di sosta.

Altri sviluppi

Discorso analogo per i vari atti parlamentari che avanzavano un sistema di pedaggio per la stessa galleria, che pur potendo avere una certa efficacia a livello pratico, lede i principi costituzionali della coesione nazionale (isolerebbe il cantone sudalpino italofono) e della sostanziale gratuità delle strade pubbliche.

Il Governo sta comunque esaminando un’ottantina di provvedimenti concreti che potrebbero alleviare almeno in parte il problema della saturazione della rete viaria nazionale. Per il suo potenziamento occorre invece prevedere attese più lunghe, come imposto dai tempi della politica.

Altri sviluppi
auto incolonnate sulla strada per il san gottardo

Altri sviluppi

Da Berna un “no” al pedaggio al San Gottardo

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Consiglio federale esclude l’introduzione di un pedaggio al San Gottardo, ma propone altre misure per migliorare il traffico sulle strade secondarie.

Di più Da Berna un “no” al pedaggio al San Gottardo

Attualità

manette

Altri sviluppi

Uccide un 77enne in Germania, arrestato a Berna

Questo contenuto è stato pubblicato al Un 21enne, sospettato di aver ucciso otto giorni fa a Friburgo (Germania) un 77enne nel corso di un furto con scasso, è stato arrestato a Berna.

Di più Uccide un 77enne in Germania, arrestato a Berna
nick hayek accende un sigaro

Altri sviluppi

Il CEO di Swatch: “Non è vero che cancello posti”

Questo contenuto è stato pubblicato al Non è vero che Swatch sta cancellando discretamente impieghi e la strategia del gruppo è buona, malgrado quanto dica la Neue Zürcher Zeitung (NZZ), che agisce peraltro in malafede.

Di più Il CEO di Swatch: “Non è vero che cancello posti”
In primo piano l'entrata della Casa d'Italia a Zurigo.

Altri sviluppi

La Casa d’Italia a Zurigo sarà rimessa a nuovo

Questo contenuto è stato pubblicato al L'avvio del cantiere è previsto per il 2 settembre prossimo. Il costo della ristrutturazione si aggira attorno ai 14 milioni di franchi. La decisione da parte del Governo italiano era attesa da sette anni.

Di più La Casa d’Italia a Zurigo sarà rimessa a nuovo
thomas aeschi

Altri sviluppi

Zuffa a Palazzo federale, avviati accertamenti

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Ministero pubblico della Confederazione ha avviato degli accertamenti sulla zuffa che a Palazzo federale lo scorso 12 giugno ha coinvolto il democentrista Thomas Aeschi e alcuni agenti di polizia.

Di più Zuffa a Palazzo federale, avviati accertamenti
paul watson

Altri sviluppi

Arrestato il fondatore di Sea Shepherd

Questo contenuto è stato pubblicato al Paul Watson, fondatore di Sea Shepherd e attivista da tempo impegnato contro la caccia alle balene, è stato arrestato domenica in Groenlandia in base a un mandato internazionale emesso dal Giappone.

Di più Arrestato il fondatore di Sea Shepherd
kamala harris

Altri sviluppi

Dopo il ritiro di Joe Biden, Kamala Harris è sostenuta da più parti

Questo contenuto è stato pubblicato al I 50 presidenti statali del partito democratico statunitense hanno appoggiato Kamala Harris, sostenendola come nuova candidata presidenziale del partito, che si confronterà con Donald Trump.

Di più Dopo il ritiro di Joe Biden, Kamala Harris è sostenuta da più parti
obre di combattenti houthi

Altri sviluppi

Yemen, gli Houthi promettono vendetta contro Israele

Questo contenuto è stato pubblicato al I ribelli Houthi che controllano lo Yemen hanno promesso una risposta totale e senza regole nei confronti di Israele, dopo il bombardamento subìto sabato sera nell'importante porto di Al-Hudayda.

Di più Yemen, gli Houthi promettono vendetta contro Israele

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR