La televisione svizzera per l’Italia

Condannato un politico vodese che ha distribuito decine di falsi certificati Covid

schermata di smartphone con certificato covid
Loperetti afferma di aver agito per "un ideale". KEYSTONE/© KEYSTONE / MARTIAL TREZZINI

Il presidente dell'UDC di Yverdon-les-Bains Christophe Loperetti è stato condannato a 15 mesi di carcere sospesi per aver emesso 49 falsi certificati, ma secondo la corte sarebbe "solo la punta dell'iceberg".

Christophe Loperetti, membro del legislativo di Yverdon-les-Bains (canton Vaud) e presidente dell’Unione democratica di centro locale (UDC, destra conservatrice) è stato condannato in prima istanza a 15 mesi di prigione con la condizionale per aver orchestrato un traffico di falsi certificati di vaccinazioni Covid. Loperetti ha dichiarato che farà appello.

L’imputato è stato “un anello essenziale” in questa operazione, che ha condotto “con totale disprezzo della salute pubblica” durante la pandemia, hanno ritenuto i giudici del Tribunale distrettuale della città vodese. L’inchiesta ha identificato 49 certificati falsi, cifra che per la corte rappresenta senza dubbio solo “la punta dell’iceberg”.

Altri sviluppi
Covid Certificate

Altri sviluppi

La guerra al green pass

Questo contenuto è stato pubblicato al Certificati falsi e comprati, controlli inadeguati, contagi esplosi e conseguenze economiche: sono questi i temi dell’inchiesta di Patti Chiari.

Di più La guerra al green pass

I giudici hanno aggiunto che l’imputato ha mostrato “una notevole intenzione criminale” e ha agito per “motivi egoistici” monetizzando i suoi servizi. Riconosciuto colpevole di falsità in documenti, Loperetti è stato condannato anche per altre due fattispecie: una guida in stato di ebrezza e la detenzione in “condizioni deplorevoli” di due cavalli a Grandson (sempre nel canton Vaud) per i quali si è visto infliggere una pena pecuniaria di 90 aliquote giornaliere a 30 franchi sospesa per due anni.

I giudici lo hanno inoltre condannato a pagare un risarcimento di 3’000 franchi e una multa di 300 franchi. È stato inoltre condannato a pagare le spese processuali, che ammontano a circa 12’000 franchi.

“Ho agito per un ideale”

Davanti ai giudici Loperetti si era difeso affermando di aver agito “per un ideale”, con l’unico intento di aiutare “persone private dei loro diritti fondamentali perché rifiutavano di farsi iniettare un vaccino sperimentale”. Il politico UDC ha insistito sul fatto di non aver mai realizzato guadagni, né di essersi reso conto dell’illegalità di questo traffico. “Non me ne sono reso conto, all’epoca era tutto confuso. Oggi non lo rifarei”, ha detto.

La difesa di Loperetti ha chiesto l’assoluzione per la maggior parte delle accuse, tranne che per la guida in stato di ebbrezza. Nel caso dei certificati Covid, ha detto l’avvocato, il suo cliente aveva agito per “pura filantropia”. Affermazioni respinte dal procuratore Christian Maire, secondo il quale il politico non era per nulla un “difensore delle libertà o un filantropo”: il suo comportamento assomigliava di più a quello di un “trafficante di droga”.

Altri sviluppi

Attualità

Benjamin Netanyahu.

Altri sviluppi

Manifestazioni in Israele dopo il video delle soldatesse rapite

Questo contenuto è stato pubblicato al In Israele il gabinetto di guerra ha dato il via libera alla ripresa dei negoziati per la liberazione degli ostaggi detenuti da Hamas e un cessate il fuoco a Gaza.

Di più Manifestazioni in Israele dopo il video delle soldatesse rapite
Bambino nascosto sotto le coperte del letto

Altri sviluppi

Lo stress è il principale fattore di rischio sul lavoro in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al L'indagine nazionale sulla salute rivela quali sono i pericoli più frequenti che lavoratori e lavoratrici incontrano quotidianamente. Nel complesso, ristorazione, edilizia e sanità sono i settori più vulnerabili.

Di più Lo stress è il principale fattore di rischio sul lavoro in Svizzera
tessere casse malati

Altri sviluppi

“Aumento del 6% dei premi dell’assicurazione malattia nel 2025”

Questo contenuto è stato pubblicato al Il portale di comparazione online Comparis ha previsto un aumento medio del 6% dei premi dell'assicurazione sanitaria di base per il 2025. In certe regioni l'incremento potrebbe superare il 10%.

Di più “Aumento del 6% dei premi dell’assicurazione malattia nel 2025”
Il primo ministro britannico Rishi Sunak.

Altri sviluppi

Regno Unito al voto il prossimo 4 luglio

Questo contenuto è stato pubblicato al La convocazione è anticipata così di circa 6 mesi rispetto alla scadenza naturale della legislatura.

Di più Regno Unito al voto il prossimo 4 luglio
Un neonato accudito dal padre.

Altri sviluppi

Il congedo parentale a Ginevra dovrà attendere

Questo contenuto è stato pubblicato al Il progetto da 24 settimane accolto dal popolo ginevrino non può entrare per ora in vigore: è incompatibile con il diritto federale.

Di più Il congedo parentale a Ginevra dovrà attendere
Bandiera palestinese.

Altri sviluppi

Spagna, Norvegia e Irlanda riconoscono la Palestina

Questo contenuto è stato pubblicato al I tre Paesi europei hanno annunciato che martedì prossimo riconosceranno lo Stato palestinese. Salgono così a undici gli Stati del Vecchio Continente a fare questo passo.

Di più Spagna, Norvegia e Irlanda riconoscono la Palestina

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR