La televisione svizzera per l’Italia

Comprare legalmente un passaporto UE? Basta avere soldi

Un cartello stradale che indica la dogana austriaca.
Sono undici le nazioni che fanno parte del programma e oltre a diversi paesi caraibici, figurano anche Malta e Austria. Keystone / Hopi Media/holzner

Lo svizzero Christian Kälin ha lanciato un business che permette, pagando centinaia di migliaia di franchi, di ottenere un passaporto maltese o austriaco. Tra gli acquirenti, persone facoltose e oggi diventa un vero affare anche per gli oligarchi russi.

Si chiama Christian Kälin, avvocato zurighese conosciuto anche come il “re dei passaporti”.  È il presidente del consiglio di amministrazione della Henley and PartnersCollegamento esterno, azienda che si occupa della compravendita, legale, di passaporti.

Il settore non conosce crisi: ogni anno persone molto facoltose, di nazionalità diverse, tra cui arabi, cinesi e russi, acquistano per centinaia di migliaia di euro un nuovo passaporto. Sono undici le nazioni che fanno parte del programma e oltre a diversi paesi caraibici, figurano anche Malta e Austria. Il giro di affari di questo business, afferma un’inchiesta di “Mise au point” Collegamento esternodi RTS, si aggira attorno ai 26 miliardi di dollari. Per i Governi che prendono parte a questo programma, significa attirare i soldi di persone molto facoltose entro i propri confini.

Per ogni passaporto venduto, la Henley and Partners trattiene una commissione. “Dovete porvi questa domanda: la nazionalità è qualcosa di giusto?”, afferma Kälin, “È una lotteria totalmente ingiusta”.  E contro questa “ingiustizia”, Kälin, restio alle interviste, ha deciso di fondare il suo business, non senza sollevare perplessità e critiche.

Il caso di Malta

Negli ultimi anni, Malta ha venduto diversi passaporti a persone molto ricche. Con questa pratica, ha aperto le porte dell’Europa e dello spazio Schengen a chi poteva permetterselo. Se per legge, chi compra il passaporto deve risiedere sull’isola, questo non avviene. Secondo diverse inchieste giornalistiche, con il beneplacito del Governo, oligarchi, ricchi arabi e cinesi stabiliscono in maniera fittizia la loro residenza nel Paese.

La prima a parlare di questo business fu la giornalista investigativa Daphne Caruana GaliziaCollegamento esterno, uccisa il 16 ottobre 2017 non lontano da casa dopo le rivelazioni sullo scandalo Panama Papers. Grazie a documenti raccolti dalla giornalista e pubblicati postumi, sono emerse una serie di irregolarità anche nel controverso programma di vendita di passaporti maltesi in cambio di investimenti lanciato dal Governo laburista di Jospeh Muscat nel 2014 (che ha poi rassegnato formalmente le dimissioni da primo ministro e leader laburista nel 2020, proprio in seguito al caso Caruana).

“Un mercato che va chiuso”

Transparency InternationalCollegamento esterno, organizzazione non governativa che si occupa di corruzione ha una posizione chiara sul tema: questo tipo di mercato deve essere chiuso. “La vendita di passaporti”, afferma Roland Papp, ci ha mostrato che diversi uomini d’affari russi, alcuni oligarchi corrotti, sono diventati cittadini dell’Unione Europea”.

E una volta che hanno ottenuto la nuova nazionalità, è difficile fermarli. Infatti, con un passaporto maltese, queste persone possono muoversi liberamente dove vogliono, Svizzera compresa. “Ci preoccupa Akady Volozh”, continua, “è un uomo d’affari russo, fondatore di Yandex, un sito di informazione e motore di ricerca in Russia. Volozh ha comprato la cittadinanza maltese e dalla scorsa estate è stato sanzionato dall’Unione europeaCollegamento esterno siccome è molto legato al Cremlino”.

Lo scorso marzo, Bruxelles ha deciso di bloccare il programma di cittadinanza da investimento. Gli Stati dell’UE però potranno continuare ad attirare ricchi extraeuropei usando programmi di residenza da investimento, aumentando allo stesso tempo i controlli su residenza e sicurezza. Inoltre, i paesi membri dovranno valutare il ritiro di passaporti e i visti rilasciati. Secondo il Parlamento europeo almeno 130’000 persone hanno ottenuto un passaporto o un visto “d’oro” tra il 2011 e il 2019.

Attualità

manette

Altri sviluppi

Uccide un 77enne in Germania, arrestato a Berna

Questo contenuto è stato pubblicato al Un 21enne, sospettato di aver ucciso otto giorni fa a Friburgo (Germania) un 77enne nel corso di un furto con scasso, è stato arrestato a Berna.

Di più Uccide un 77enne in Germania, arrestato a Berna
nick hayek accende un sigaro

Altri sviluppi

Il CEO di Swatch: “Non è vero che cancello posti”

Questo contenuto è stato pubblicato al Non è vero che Swatch sta cancellando discretamente impieghi e la strategia del gruppo è buona, malgrado quanto dica la Neue Zürcher Zeitung (NZZ), che agisce peraltro in malafede.

Di più Il CEO di Swatch: “Non è vero che cancello posti”
In primo piano l'entrata della Casa d'Italia a Zurigo.

Altri sviluppi

La Casa d’Italia a Zurigo sarà rimessa a nuovo

Questo contenuto è stato pubblicato al L'avvio del cantiere è previsto per il 2 settembre prossimo. Il costo della ristrutturazione si aggira attorno ai 14 milioni di franchi. La decisione da parte del Governo italiano era attesa da sette anni.

Di più La Casa d’Italia a Zurigo sarà rimessa a nuovo
thomas aeschi

Altri sviluppi

Zuffa a Palazzo federale, avviati accertamenti

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Ministero pubblico della Confederazione ha avviato degli accertamenti sulla zuffa che a Palazzo federale lo scorso 12 giugno ha coinvolto il democentrista Thomas Aeschi e alcuni agenti di polizia.

Di più Zuffa a Palazzo federale, avviati accertamenti
paul watson

Altri sviluppi

Arrestato il fondatore di Sea Shepherd

Questo contenuto è stato pubblicato al Paul Watson, fondatore di Sea Shepherd e attivista da tempo impegnato contro la caccia alle balene, è stato arrestato domenica in Groenlandia in base a un mandato internazionale emesso dal Giappone.

Di più Arrestato il fondatore di Sea Shepherd
kamala harris

Altri sviluppi

Dopo il ritiro di Joe Biden, Kamala Harris è sostenuta da più parti

Questo contenuto è stato pubblicato al I 50 presidenti statali del partito democratico statunitense hanno appoggiato Kamala Harris, sostenendola come nuova candidata presidenziale del partito, che si confronterà con Donald Trump.

Di più Dopo il ritiro di Joe Biden, Kamala Harris è sostenuta da più parti
obre di combattenti houthi

Altri sviluppi

Yemen, gli Houthi promettono vendetta contro Israele

Questo contenuto è stato pubblicato al I ribelli Houthi che controllano lo Yemen hanno promesso una risposta totale e senza regole nei confronti di Israele, dopo il bombardamento subìto sabato sera nell'importante porto di Al-Hudayda.

Di più Yemen, gli Houthi promettono vendetta contro Israele

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR