La televisione svizzera per l’Italia

Chiudere un centro d’asilo? La popolazione di un comune turgoviese dice di no

facciata di un edificio
Il movimento cittadino aveva chiesto la chiusura del centro per richiedenti l'asilo di Steckborn. KEYSTONE/© KEYSTONE / GIAN EHRENZELLER

I cittadini e le cittadine del comune di Steckborn, nel Canton Turgovia, si sono dovuti esprimere sulla chiusura di un centro per richiedenti l’asilo e il loro verdetto è stato senza appello: la struttura deve rimanere. Si è trattato di una prima in Svizzera.

La proposta avanzata da un movimento cittadino di Steckborn, che voleva chiudere il centro federale per richiedenti asilo, non ha trovato grazia agli occhi della stragrande maggioranza delle persone che giovedì hanno partecipato all’assemblea comunale straordinaria nel paese del Canton Turgovia.

Tra i 692 elettori ed elettrici che hanno partecipato all’assemblea, solo poche decine hanno appoggiato la proposta di rescindere il contratto tra il Comune e la Segreteria di Stato per la Migrazione (SEM), che avrebbe portato alla chiusura del centro.

persona scatta una foto in una sala colma di persone
La sala comunale di Steckborn era colma giovedì sera. KEYSTONE/© KEYSTONE / GIAN EHRENZELLER

Il movimento cittadino aveva presentato 130 firme nel dicembre 2023. Secondo lo statuto di questo comune di circa 4’000 abitanti, poteva quindi convocare un’assemblea straordinaria.

Si tratta di una prima volta in Svizzera, ha spiegato la SEM all’agenzia Keystone-ATS. Il suo portavoce, Reto Kormann, si è detto sollevato e orgoglioso di questa decisione chiara e democratica a favore del centro per richiedenti asilo.

Altri sviluppi

Sicurezza

Secondo chi ha promosso la richiesta, una parte della popolazione è contraria a ospitare i richiedenti asilo nella località a causa di problemi di sicurezza. Si parla di violazioni di domicilio, furti, minacce, molestie, risse, atti di inciviltà e ubriachezza molesta.

La polizia cantonale turgoviese ha confutato queste argomentazioni. Da un punto di vista statistico, non vi è “alcuna indicazione che il centro di accoglienza per richiedenti asilo abbia un impatto negativo sulla situazione della sicurezza a Steckborn”.

Il sindaco del comune, Roland Toletti (senza partito), ha preso le distanze dal movimento cittadino. A suo avviso, la risoluzione del contratto non è una soluzione e non è difendibile da un punto di vista morale ed etico.

Il servizio del TG:

Contenuto esterno

Una struttura a lungo inutilizzata

Nel 2016, il Governo svizzero ha affittato la struttura della protezione civile di Steckborn per farne un alloggio temporaneo di emergenza in caso di forte aumento delle domande di asilo. La struttura è rimasta vuota per molto tempo, ma con la guerra in Ucraina è stata occupata dal 2022.

Oggi, i rifugiati e le rifugiate la cui procedura di asilo è in corso sono ospitati a Steckborn in media per 53 giorni. Prima della votazione, molte persone si sono espresse contro la proposta di rescindere il contratto. “È importante trattare queste persone come esseri umani”, ha detto un elettore. “Restiamo umani”.

Attualità

uomo

Altri sviluppi

Il direttore dell’AIEA Rafael Grossi in visita in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al Il ministro dell'economia Guy Parmelin ha incontrato giovedì il direttore generale dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (AIEA) Rafael Grossi. Al centro dei colloqui la situazione delle centrali nucleari nel mondo e in Europa in particolare.

Di più Il direttore dell’AIEA Rafael Grossi in visita in Svizzera
facciata di un edificio

Altri sviluppi

Due sorelle condannate per essersi unite allo Stato islamico

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Tribunale penale federale (TPF) ha condannato giovedì due sorelle domiciliate nel Canton Vaud a pene detentive con la condizionale per essersi recate, con il figlio minorenne di una delle due, in Siria nel 2015 per unirsi all'organizzazione terroristica dello Stato islamico (Isis).

Di più Due sorelle condannate per essersi unite allo Stato islamico
donna

Altri sviluppi

Cambia partito poco dopo essere stata eletta, il Tribunale federale vuole chiarezza

Questo contenuto è stato pubblicato al La più alta istanza giudiziaria svizzera ha accolto un ricorso presentato contro l'elezione nel Parlamento cantonale di Zurigo di una esponente del Partito verde liberale, passata a quello liberale radicale meno di due settimane dopo il voto.

Di più Cambia partito poco dopo essere stata eletta, il Tribunale federale vuole chiarezza
Benjamin Netanyahu.

Altri sviluppi

Manifestazioni in Israele dopo il video delle soldatesse rapite

Questo contenuto è stato pubblicato al In Israele il gabinetto di guerra ha dato il via libera alla ripresa dei negoziati per la liberazione degli ostaggi detenuti da Hamas e un cessate il fuoco a Gaza.

Di più Manifestazioni in Israele dopo il video delle soldatesse rapite
Bambino nascosto sotto le coperte del letto

Altri sviluppi

Lo stress è il principale fattore di rischio sul lavoro in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al L'indagine nazionale sulla salute rivela quali sono i pericoli più frequenti che lavoratori e lavoratrici incontrano quotidianamente. Nel complesso, ristorazione, edilizia e sanità sono i settori più vulnerabili.

Di più Lo stress è il principale fattore di rischio sul lavoro in Svizzera
tessere casse malati

Altri sviluppi

“Aumento del 6% dei premi dell’assicurazione malattia nel 2025”

Questo contenuto è stato pubblicato al Il portale di comparazione online Comparis ha previsto un aumento medio del 6% dei premi dell'assicurazione sanitaria di base per il 2025. In certe regioni l'incremento potrebbe superare il 10%.

Di più “Aumento del 6% dei premi dell’assicurazione malattia nel 2025”
Il primo ministro britannico Rishi Sunak.

Altri sviluppi

Regno Unito al voto il prossimo 4 luglio

Questo contenuto è stato pubblicato al La convocazione è anticipata così di circa 6 mesi rispetto alla scadenza naturale della legislatura.

Di più Regno Unito al voto il prossimo 4 luglio
Un neonato accudito dal padre.

Altri sviluppi

Il congedo parentale a Ginevra dovrà attendere

Questo contenuto è stato pubblicato al Il progetto da 24 settimane accolto dal popolo ginevrino non può entrare per ora in vigore: è incompatibile con il diritto federale.

Di più Il congedo parentale a Ginevra dovrà attendere

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR