La televisione svizzera per l’Italia

Philippe Lazzarini: “Berna riprenda gli aiuti per Gaza”

Philippe Lazzarini prla con i media a Ginevra
Il segretario generale dell'UNRWA si è recato a Ginevra per chiarire l'operato della sua agenzia. KEYSTONE/© KEYSTONE / SALVATORE DI NOLFI

Il segretario generale dell'agenzia dell'ONU per i rifugiati palestinesi (UNRWA) Philippe Lazzarini spera che la Svizzera segua l'esempio dell'UE e degli Stati che hanno ripreso il loro sostegno all'organizzazione.

Matedì, dopo un incontro a Ginevra avvenuto con le e i parlamentari svizzeri della Commissione della politica estera del Consiglio nazionale (CPE-N), nel corso del quale ha illustrato l’operato della sua agenzia, il segretario generale dell’UNRWA Philippe Lazzarini ha invitato la Svizzera a riprendere gli aiuti. Attualmente, ha dichiarato, i finanziamenti sono garantiti fino alla fine di maggio.

“L’importante è che la Svizzera continui a essere il partner che è stato finora”, ha detto. “Si tratta di un partenariato che risale a diversi decenni fa”.

Dal canto suo, il presidente della commissione, il vodese liberal-radicale Laurent Wehrli, si è detto soddisfatto di quanto emerso durante ‘incontro. “L’obiettivo era quello di permettere alle persone di parlarsi direttamente, senza filtri” ed “è stato raggiunto”, ha dichiarato all’agenzia Keystone-ATS. “Non è stato omesso nulla”, ha aggiunto, affermando che le posizioni politiche non cambieranno, ma “saranno stabilite su indicazioni più precise”.

Il DFAE non ha ancora versato i 20 milioni

I finanziamenti all’UNRWA (20 milioni di franchi versati ogni anno dal Dipartimento federale degli affari esteri DFAE) sono stati bloccati in seguito alle accuse del coinvolgimento di 12 dipendenti dell’agenzia nel massacro dello scorso 7 ottobre in Israele. I servizi di Ignazio Cassis attendono le consultazioni con le commissioni parlamentari e il rapporto finale sulla revisione della “governance” dell’UNRWA, previsto per il 20 aprile.

Altri sviluppi
donna palestinese trascina carrello con alcune valigie

Altri sviluppi

Sempre meno finanziatori dell’UNRWA

Questo contenuto è stato pubblicato al Sempre più Stati sospendono i finanziamenti all’UNRWA, l’Agenzia delle Nazioni Unite per i profughi palestinesi.

Di più Sempre meno finanziatori dell’UNRWA

È stata inoltre avviata un’indagine sulle accuse rivolte ai dipendenti che sarebbero membri di Hamas, e si dovrà anche decidere se riprendere o meno i pagamenti elvetici. Il Commissario generale dell’UNRWA ha spiegato queste misure ai membri della CPE-N.

Diversi parlamentari hanno dichiarato di essere in attesa dei risultati. Inoltre, la CPE-N non ha previsto alcun voto o raccomandazione dopo l’audizione con Lazzarini. Il Governo elvetico presenterà quindi una proposta da sottoporre in consultazione alle commissioni di politica estera del Consiglio Nazionale e del Consiglio degli Stati.

+ Direttore dell’UNRWA Philippe Lazzarini: “Lo status quo non è più sostenibile”

Data l’emergenza umanitaria, Wehrli ritiene che l’Esecutivo potrebbe procedere in due fasi, soprattutto se il rapporto dell’UNRWA dovesse subire un ritardo. Il Governo “potrebbe presentare una proposta di aiuti d’emergenza per Gaza già ad aprile”.

Niente aiuti dagli USA per almeno un anno

A differenza della Confederazione, la Commissione europea ha sbloccato gli aiuti, così come i Paesi nordici, il Canada e l’Australia. Alcuni Stati europei hanno anche aumentato i loro contributi in risposta alle difficoltà dell’agenzia. Anche gli Stati del Golfo sostengono l’UNRWA. Non il principale donatore, però: gli Stati Uniti hanno congelato tutti gli aiuti fino al marzo 2025. Allo stesso tempo, però, gli USA hanno invitato gli altri a fare uno sforzo per consentire all’agenzia ONU di continuare le sue attività. “Dovremo mobilitare ancora più Paesi” per compensare questa perdita, che rappresenta una minaccia “esistenziale” per l’UNRWA, ha ammesso Lazzarini.

La scorsa settimana l’ONU ha dichiarato che la carestia era imminente e diverse persone sono già morte per mancanza di cibo. Secondo Lazzarini, gli aiuti sono “totalmente insufficienti rispetto all’immensità dei bisogni”.

Attualità

L'etichetta colorata di Nutri-Score.

Altri sviluppi

Migros rinuncia alle etichette Nutri-Score

Questo contenuto è stato pubblicato al La decisione del numero uno svizzero del commercio al dettaglio è stata fortemente criticata dalla Fondazione per la protezione dei consumatori.

Di più Migros rinuncia alle etichette Nutri-Score
Il premier Benjamin Netanyahu (sinistra) e il ministro della difesa Yoav Gallant.

Altri sviluppi

Gaza, Israele rigetta le accuse dell’Aia

Questo contenuto è stato pubblicato al Tutti i partiti israeliani difendono il premier Netanyahu e il ministro della difesa Gallant, accusati di crimini di guerra e contro l’umanità dal procuratore capo della Corte penale internazionale dell'Aia.

Di più Gaza, Israele rigetta le accuse dell’Aia
Manifestazioni contro Netanyahu.

Altri sviluppi

Mandato d’arresto contro i leader israeliani e di Hamas

Questo contenuto è stato pubblicato al Mandati di arresto nei confronti del premier israeliano Benjamin Netanyahu e il suo ministro della Difesa Yoav Gallant come anche del leader di Hamas Yahya Sinwar per "crimini di guerra e crimini contro l'umanità".

Di più Mandato d’arresto contro i leader israeliani e di Hamas
La locomotiva Re 4/4 II

Altri sviluppi

Un’icona svizzera viaggia verso la pensione

Questo contenuto è stato pubblicato al Le locomotive RE 4/4 II dopo oltre 60 anni di apprezzata carriera nei prossimi anni verranno dismesse dalle Ferrovie federali svizzere.

Di più Un’icona svizzera viaggia verso la pensione
I soccorritori sul luogo dell'incidente dell'elicottero in cui viaggiava il presidente Raisi.

Altri sviluppi

Teheran conferma la morte del presidente Raisi

Questo contenuto è stato pubblicato al Il leader iraniano è morto nell'elicottero caduto in una regione montuosa nei pressi del confine con l'Azerbaigian.

Di più Teheran conferma la morte del presidente Raisi

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR