La televisione svizzera per l’Italia

Berna cercherà un Paese dove inviare gli eritrei respinti

Profughi eritrei scendono da un bus della Posta.
Si cerca una soluzione per gli eritrei respinti. Keystone / Ti-Press / Pablo Gianinazzi

Il Governo federale sollecitato dal Parlamento a concludere un accordo di transito con un Paese terzo dove mandare i cittadini eritrei la cui domanda d'asilo è stata respinta.

Dopo la Camera alta, anche il Consiglio Nazionale ha accolto lunedì – con 120 voti contro 75 – una mozione proposta dalla senatrice liberale Petra Gössi che ha lo scopo di risolvere la questione degli eritrei e delle eritree respinte dalla Confederazione che Asmara non vuole riprendersi.

L’esempio del Senegal

Da anni le e i richiedenti asilo provenienti dall’Eritrea non possono essere rimpatriati in quanto il loro Paese d’origine rifiuta i rinvii coatti e la mozione si ispira, ha segnalato Piero Marchesi (UDC, destra), all’accordo di transito con il Senegal approvato dal Consiglio federale nel 2002.

Contenuto esterno

L’Esecutivo è chiamato ora a individuare un Paese terzo disposto a concludere un’intesa di questo tipo. Quella raggiunta nel 2002, ma poi respinta da Dakar, avrebbe dovuto autorizzare il transito dei richiedenti asilo per un periodo di tre giorni.

In questo lasso di tempo i migranti sarebbero stati identificati e avrebbero ottenuto un documento d’identità dalla rappresentanza consolare del loro Paese d’origine in Senegal. La mozione non cita alcun Paese di preciso, ma nel dibattito sono stati evocati il Ruanda (accordo con il Regno Unito) e l’Albania (con l’Italia).

La sinistra e alcuni esponenti del Centro si sono opposti invano alla mozione definendo la proposta inefficace e probabilmente molto costosa. La Svizzera, ha sostenuto Marc Jost (Partito evangelico), dovrebbe infatti pagare i trasferimenti da e verso il Paese terzo senza alcuna certezza riguardo all’esito finale della procedura.

Dubbi su costi ed efficacia

Sulla stessa lunghezza d’onda si è posto il Consiglio federale, il cui ministro di giustizia Beat Jans ha rilevato che “la Svizzera persegue già una politica di rinvio molto avanzata rispetto ad altri Paesi”.

È probabile – ha aggiunto – che la rappresentanza eritrea nel Paese terzo rifiuterebbe la richiesta di un documento d’identità e i richiedenti asilo eritrei trasferiti – ha fatto notare – dovrebbero quindi essere riammessi in Svizzera.

All’epoca delle discussioni con il Senegal, ha continuato Beat Jans, la Svizzera aveva un problema di identificazione di molte persone, è questo aveva fatto sorgere l’idea degli accordi di transito. Vent’anni dopo però la situazione è completamente diversa “e non abbiamo più questo problema”.

Negoziare accordo con l’Eritrea

Sempre su questo argomento il plenum tacitamente approvato una mozione dell’ex “senatore” Thomas Minder (Indipendente), che chiede uno specifico accordo in materia di migrazione con l’Eritrea.

Su suggerimento della commissione preparatoria, il testo è stato modificato con l’aggiunta di una disposizione che preveda l’invio nel Paese dell’Africa orientale di un rappresentante della Segreteria di Stato della migrazione (SEM) per trattare le questioni migratorie.

Attualmente la Svizzera non dispone di alcuna rappresentanza diplomatica ad Asmara e sul posto non è nemmeno rappresentata da un funzionario di collegamento incaricato dell’immigrazione (“Immigration Liaison Officer”, ILO), ossia da una persona specificamente responsabile delle questioni migratorie.

Rifugiati che sostengono il regime

Il Nazionale ha pure sostenuto – con 131 voti contro 63 e 2 astenuti – una mozione del consigliere agli Stati Andrea Caroni (Partito liberale), che incarica il Governo di elaborare una riforma del diritto in materia di stranieri.

L’obiettivo è poter sanzionare le persone che sostengono di aver cercato rifugio in Svizzera per sfuggire alle persecuzioni da parte del regime al potere nel loro Paese di origine, ma che nella Confederazione difendono, anche con la violenza, proprio questo stesso regime.

L’atto parlamentare si riferisce agli scontri tra eritrei favorevoli e contrari al regime di cui si è avuto notizia negli ultimi tempi. La maggioranza ha ritenuto scandaloso che una parte della diaspora sostenga pubblicamente e in modo violento il regime dal quale afferma di essere fuggita e ha avanzato proposte che contemplano la facilitazione della revoca dell’asilo e l’estensione dell’elenco delle infrazioni che portano a un’espulsione.

Attualità

Naufragio del 17 giugno 2023 al largo della Calabria.

Altri sviluppi

Due naufragi nel Mediterraneo in 24 ore

Questo contenuto è stato pubblicato al Le tragedie hanno causato la morte di almeno 16 persone. Un numero molto approssimativo perché - stando alle testimonianze - i dispersi sarebbero decine.

Di più Due naufragi nel Mediterraneo in 24 ore
soldati svizzeri

Altri sviluppi

Via libera ad altri 4 miliardi per l’esercito svizzero

Questo contenuto è stato pubblicato al Dopo la Commissione delle finanze, anche quella della politica di sicurezza del Nazionale è a favore di un aumento di ulteriori 4 miliardi di franchi per il periodo 2025-2028.

Di più Via libera ad altri 4 miliardi per l’esercito svizzero
Siringhe

Altri sviluppi

Per vaccinarsi contro il coronavirus si dovrà pagare di tasca propria

Questo contenuto è stato pubblicato al Lo rende noto l'Ufficio federale della sanità pubblica precisando che a partire dal mese di luglio 2024, le assicurazioni malattia copriranno le spese solo alle persone a cui l'immunizzazione verrà raccomandata.

Di più Per vaccinarsi contro il coronavirus si dovrà pagare di tasca propria
Una filiale di Meletronics.

Altri sviluppi

Migros taglia 415 posti e vende Melectronics

Questo contenuto è stato pubblicato al Migros sopprime altri 415 posti di lavoro. I tagli fanno parte della ristrutturazione del Gruppo Migros annunciata a inizio di febbraio, che prevede la soppressione di quasi 1'500 impieghi su un organico complessivo di circa 100'000 dipendenti.

Di più Migros taglia 415 posti e vende Melectronics
Irène Jacob.

Altri sviluppi

L’attrice Irène Jacob sarà premiata al Festival di Locarno

Questo contenuto è stato pubblicato al Il premio le verrà consegnato venerdì 9 agosto in Piazza Grande quando verrà proiettato il film "Trois couleurs: Rouge" del regista polacco Krzysztof Kieślowski.

Di più L’attrice Irène Jacob sarà premiata al Festival di Locarno
Quattro ragazzi danno calci a un ragatto in terra.

Altri sviluppi

Aumenta il numero di minorenni condannati

Questo contenuto è stato pubblicato al Aumenta in Svizzera il numero di condanne a carico di minorenni. Nel 2023 ne sono state pronunciate 23'080, ossia l'11% in più rispetto all'anno precedente.

Di più Aumenta il numero di minorenni condannati
Laboratorio chimico.

Altri sviluppi

Svizzera competitiva grazie all’efficienza delle sue aziende

Questo contenuto è stato pubblicato al La Svizzera si colloca al secondo posto nella classifica dell'istituto IMD di Losanna sulla competitività mondiale 2024 grazie alla sua performance economica e all'efficienza delle sue aziende.

Di più Svizzera competitiva grazie all’efficienza delle sue aziende
Una zecca.

Altri sviluppi

Cambia il clima, arrivano le zecche. Ecco come difendersi

Questo contenuto è stato pubblicato al La zecca può trasmettere due malattie, la borreliosi di Lyme e la meningoencefalite. Dall’ufficio del medico cantonale ticinese arrivano consigli per difendersi.

Di più Cambia il clima, arrivano le zecche. Ecco come difendersi

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR