Navigation

Profughi eritrei a 1'500 metri

Sistemazione provvisoria di una ventina di immigrati nella località turistica invernale di Bosco Gurin (Ticino)

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 ottobre 2015 - 21:11

Da oggi una ventina di profughi eritrei, per lo più di sesso femminile, sono alloggiati in una struttura alberghiera a Bosco Gurin, nota stazione turistica invernale del Canton Ticino a 1'500 metri di altitudine. Si tratta però di una sistemazione provvisoria per la ventina di stranieri. Tra un mese infatti la Residenza Ostello Giovanibosco dell'imprenditore Giovanni Frapolli dovrà iniziare a ospitare le scolaresche che si erano prenotate.

Ma la destinazione, nonostante l'avallo di Municipio e Cantone, non ha mancato di far discutere. In primo luogo per le possibili condizioni climatiche che la ventina di ospiti africani troveranno a tale quota ma anche per il significato simbolico di Bosco Gurin, località periferica montana popolata da famiglie dell'etnia germanofona Walser nel loro lungo peregrinare tra i diversi versanti delle Alpi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.