Navigation

Eritrei in piazza contro la politica svizzera

La Confederazione deve rivedere la sua politica di asilo nei confronti degli eritrei, annullando l'inasprimento in corso da alcuni mesi. È quanto hanno chiesto 1500 persone nel corso di una manifestazione tenutasi in Piazza federale a Berna.

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 maggio 2018 - 15:51
tvsvizzera.it/fra con RSI
Contenuto esterno


Una petizione corredata da 12'000 firme è stata consegnata alla ministra di giustizia e polizia Simonetta Sommaruga. Essa chiede che la Svizzera ascolti i migranti seguendo criteri che rispettino la sua tradizione umanitaria, concedendo l'asilo agli eritrei minacciati di maltrattamenti nel loro Paese.

La petizione, elaborata da associazioni che operano in costante contatto con eritrei, chiede inoltre a Sommaruga di spingere la Segreteria di Stato della migrazione (SEM) ad ammorbidire le sue pratiche concedendo agli eritrei la stessa protezione fornita fino al 2016.

In aprile Berna ha annunciato di voler riesaminare un terzo delle ammissioni provvisorie e ha inviato una lettera a 3200 eritrei interessati da questa misura. Ogni caso viene valutato individualmente e le persone che devono essere protette lo saranno, aveva promesso la SEM.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.