Navigation

Usa, la crisi del petrolio

La caduta del prezzo a barile sta mettendo in crisi diverse aziende

Questo contenuto è stato pubblicato il 02 aprile 2016 - 15:03

Negli Stati Uniti (ma non solo) si parla da un po' di tempo di crisi del petrolio che sta mettendo in difficoltà quelle che sono le industrie tra le maggiori produttrici di greggio al mondo. L'anno scorso, gli Stati Uniti sono diventati il primo produttore mondiale di gas e petrolio, davanti a Russia e Arabia Saudita.

Ma con la caduta libera dei prezzi , da mesi sotto i 40 dollari al barile, le cose sono cambiate. Se il petrolio non tornerà al di sopra della soglia di sopravvivenza, fissata A $50 a barile , ben un terzo dei produttori rischia la bancarotta. In particolare in Texas, uno degli stati che ha maggiormente sfruttato il "boom del petrolio".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.