Navigation

Situazione alimentare drammatica in Etiopia

Contenuto esterno

Oltre 350'000 persone nella regione etiopica del Tigray, dove da circa sette mesi è in corso un sanguinoso conflitto, sono alla fame, e altre milioni sono comunque a rischio in quella che si profila come la peggiore crisi alimentare in almeno un decennio. L'allarme arriva dalle Nazioni Unite, e in particolare dall'ufficio per il coordinamento degli affari umanitari Onu, sulla base degli ultimi, allarmanti rapporti.

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 giugno 2021 - 21:23
tvsvizzera.it/fra

Il Programma alimentare mondiale (Pam-Wfp), la Fao e l'Unicef chiedono di intervenire, ma per ora il governo etiope non riconosce questo stato di cose.

Si reputa che il conflitto fra l'esercito etiopico, appoggiato da soldati eritrei, e le forze del partito autonomista tigrino Tplf, abbia fatto migliaia di vittime e forzato almeno 1,7 milioni di persone ad abbandonare le loro case.


I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.