Navigation

Sale a oltre 230 il numero dei morti in Ecuador

Danni ingenti e oltre 1'500 feriti per il terremoto di magnitudo 7,8 che ha scosso ieri sera il paese

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 aprile 2016 - 21:33

Si aggrava di ora in ora il bilancio del violento sisma che ieri sera poco prima delle 7 ha scosso le regioni costiere settentrionali dell'Ecuador. Il bollettino provvisorio dei morti è infatti salito a 233 morti e oltre 1'500 feriti.

La scossa di magnitudo 7,8 sulla scala Richter, con epicentro a 170 chilometri a nord-ovest da Quito, è stata la più violenta nel paese sudamericano dal 1979 ed è stata avvertita distintamente anche in Colombia e in Perù. Molti sono ancora i dispersi sotto le macerie e per il momento non vengono utilizzate le ruspe per consentire il recupero dei sopravvissuti.

Il presidente Rafael Correa, che ha interrotto la sua visita in Vaticano per far ritorno a Quito, ha dichiarato lo stato d'emergenza nelle sei province maggiormente colpite (Guayas, Manabi, Santo Domingo, Los Rios, Esmeraldas e Galapagos). Oltre 10'000 militari e 4'600 poliziotti sono stati mobilitati e squadre di soccorso internazionali, in particolare dai paesi vicini, stanno dirigendosi verso le zone devastate.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.