Navigation

Israele, oltre 40 morti nella calca tra la folla

Il luogo dove si suppone sia cominciato il panico. Copyright 2021 The Associated Press. All Rights Reserved

Un raduno religioso di ebrei ortodossi si è trasformato in tragedia in Israele quando in una gigantesca calca provocata dal panico 44 persone sono rimaste uccise.

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 aprile 2021 - 12:59

Si trattava del più grande raduno dall'inizio della pandemia, durante le celebrazioni sul monte Meron, nel Nord del Paese, il primo permesso da quando Israele ha revocato quasi tutte le restrizioni legate al coronavirus.

Sul monte, in occasione della festività di Lag Ba'omer, si erano recate decine di migliaia di persone, soprattutto ebrei ortodossi. L'incidente si è verificato quando un grande numero di presenti era accalcato in uno stretto passaggio su delle scalinate.

Alcune persone sarebbero scivolate sui gradini trascinando con sé altri partecipanti. Si è creato il panico e, nel fuggi-fuggi generale, diverse persone sono cadute o rimaste schiacciate. Il bilancio è di 44 morti e circa 150 feriti. Si tratta di uno dei più gravi disastri civili mai avvenuti nel Paese.

Contenuto esterno

tvsvizzera.it/Zz/reuters con RSI (TG del 20.04.2021)

Contenuto esterno



Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.