Navigation

Sei morti al concerto di Sfera Ebbasta

Nella discoteca c'era un migliaio di persone. Forse troppo, rispetto AP
Questo contenuto è stato pubblicato il 08 dicembre 2018 - 13:55
tvsvizzera.it/ATS/ri con RSI (TG del 08.12.2018)

Sei persone, delle quali cinque minorenni, sono morte travolte dalla calca sabato notte in una discoteca di Madonna del Piano di Corinaldo, Ancona. Il fuggi-fuggi è stato provocato, secondo alcune testimonianze, dall'uso di uno spray urticante.

Le vittime -due ragazzi e tre ragazze tra i 14 e i 16 anni, e una madre di quattro figli- erano lì per assistere a un concerto del rapper Sfera Ebbasta. I feriti sono un centinaio, di cui una dozzina in pericolo di vita.

Il locale, la 'Lanterna azzurra', era colmo di giovanissimi, estimatori del cantante. Sui feriti e sulle vittime, i sanitari hanno riscontrato lesioni e traumi da schiacciamento.

Porte forse sbarrate

Il panico si è diffuso nella discoteca tra mezzanotte e l'una, prima dell'inizio del concerto. Testimoni hanno riferito di aver sentito un odore acre, che si è diffuso in tutto il locale, e alcuni feriti hanno raccontato di aver trovato sbarrata la porta d'emergenza verso la quale si erano precipitati.

La calca sarebbe stata deviata verso la passerella che è crollata, facendo cadere decine di persone che hanno schiacciato chi è rimasto sotto.

Contenuto esterno

Un'inchiesta è in corso per ricostruire la dinamica dell'evento. Dalle prime verifiche degli inquirenti sembra che sia stato venduto il triplo dei biglietti della capienza: 870 persone

Le ipotesi di reato sono omicidio preterintenzionale, per chi avesse usato lo spray, e omicidio colposo per i gestori della discoteca.

Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.