Navigation

Quote rifugiati, vertice a Lussemburgo

I ministri degli interni Ue e Schengen discutono il piano della Commissione per una ripartizione dei profughi che sbarcano sulle coste europee

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 giugno 2015 - 14:28

A Lussemburgo, i ministri degli interni dell'Unione europea e della zona Schengen sono riuniti per discutere il piano della Commissione per una ripartizione dei rifugiati che sbarcano sulle coste europee.

Tra loro anche la presidente della Confederazione, Simonetta Sommaruga. La Svizzera non è tenuta ad applicare eventuali future regole europee, ma non avrebbe problemi perché con l'accoglienza attuale già le rispetta pienamente. "In questa situazione difficile", ha dichiarato Sommaruga,"tutti i paesi europei devono partecipare, abbiamo bisogno di una solidarietà europea, di questo discutiamo."

La discussione verte soprattutto sull'obbligatorietà delle quote: molti paesi vorrebbero che lo sforzo fosse volontario. Alcuni contestano i criteri con cui la Commissione vorrebbe ripartire i rifugiati.

Nonostante i toni accesi, il piano di Bruxelles non è naufragato, perlomento non ancora, ma di sicuro non sarà concluso prima di luglio.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.