Navigation

L'FBI sblocca l'iPhone del terrorista

Gli agenti federali hanno trovato il modo per decifrare la memoria del cellulare dell'attentatore di San Bernardino. La Apple si era rifiutata di collaborare alle indagini

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 marzo 2016 - 21:55

L'FBI ha trovato un modo di accedere alle informazioni contenute nell'iPhone dell'attentatore di San Bernardino senza dover contare sull'aiuto della Apple che ha negato il proprio sostegno. Non è chiaro quale sia il metodo individuato dagli agenti federali per superare le protezioni, ma ciò consente al Dipartimento della Giustizia USA di non procedere nell'azione legale nei confronti del gigante di Cupertino per avere accesso ai dati del telefono cellulare, considerati indispensabili per l'inchiesta.

La causa, ha anticipato USA Today citando una fonte anonima, sarà ritirata. La Apple si era sin dall'inizio detta contraria ad intervenire per ragioni di privacy, pronta ad affrontare una serie di processi, fino alla Corte Suprema.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.