Navigation

Apple vs Dipartimento di giustizia USA

Approderà in tribunale il prossimo 22 marzo la vertenza tra l'FBI e l'azienda di Cupertino che non vuole fornire assistenza tecnica per sbloccare l'Iphone di uno dei killer della strage di San Bernardino

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 febbraio 2016 - 08:43

Approderà in tribunale il prossimo 22 marzo la vertenza tra l'FBI e Apple. L'azienda di Cupertino si oppone all'ordine di una corte federale di sbloccare l'Iphone usato da uno dei killer della strage di San Bernardino, dello scorso 14 dicembre.

La vicenda

Una corte federale californiana ha imposto ad Apple di fornire assistenza tecnica all'FBI, che cerca da due mesi di sbloccare l'Iphone di Sayed Farook, uno dei killer della strage di San Bernardino dello scorso dicembre. Nell'attacco terroristico morirono 14 persone e ne furono ferite 22 e, secondo rappresentanti della giustizia americana altre vite potrebbero essere in pericolo.

Il numero uno dell'azienda di Cupertino, Tim Cook, che non ci sta, aveva definito questa misura "senza precedenti e una minaccia ad un'altra sicurezza: quella degli utenti".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.