Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Fine del mandato estone Presidenza UE, difficili sfide per la Bulgaria

Dal primo gennaio la Bulgaria assumerà la presidenza dell’Unione Europea, sostituendo l'Estonia. L’incarico durerà sei mesi durante i quali i temi centrali saranno Brexit e dossier immigrazione. 

(1)

Servizio TG

Finito il mandato dell’Estonia inizia quello della Bulgaria alla presidenza dell’Unione Europea. Non si preannuncia un semestre semplice. Sofia dovrà affrontare il difficile compito di appianare i molti dissidi in atto tra i 28 Stati membri e lavorare al compromesso su questioni calde come le migrazioni e la Brexit.

Il Palazzo della Cultura di Sofia, dove si terranno le riunioni del Consiglio europeo per i prossimi sei mesi.

(Keystone)

Ma per la Bulgaria si tratta anche di tentare di migliorare la propria immagine di paese più povero e corrotto dell'Unione. 

Dopo undici anni dall’adesione all'Unione - avvenuta il 1 gennaio 2007-  il paese vuole dimostrare che i tempi sono maturi per il suo ingresso nell'area Schengen e l'avvicinamento all'eurozona. 

Abitata da poco più di 7 milioni di persone, ha affrontato una fase di turbolenza dopo la caduta del comunismo. Una relativa stabilità è stata raggiunta con i governi conservatori di Boyko Borisov, che ad aprile è ritornato al potere per il terzo mandato, grazie all'alleanza con gli ultranazionalisti Patrioti uniti.  Dal suo ingresso al governo, il partito della destra ha limitato la propria retorica antimmigrazione e adottato posizioni più vicine all'UE e alla NATO. 

La tendenza euroscettica che comunque resta potrebbe non rendere le cose facili.  

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Abbonamento alla newsletter

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

Neuer Inhalt

Facebook Like-Box

×