Navigation

737 Max, mea culpa di Boeing al Senato USA

L'amministratore delegato del colosso statunitense dell'aviazione. Copyright 2019 The Associated Press. All Rights Reserved.

L'amministratore delegato della Boeing Dennis Muilenburg è stato sentito martedì al Senato americano, a un anno dal primo di due incidenti che hanno coinvolto velivoli 737 Max. I disastri della Lion Air in ottobre e della Ethiopian Airlines in marzo sono costati la vita a 346 persone in tutto. L'azienda fa mea culpa, ma di fronte a senatori e familiari delle vittime non riesce a dissipare i dubbi relativi ai sistemi di sicurezza dei velivoli.

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 ottobre 2019 - 13:35
tvsvizzera.it/ATS/ri con RSI (TG del 30.10.2019)

"Siamo responsabili dei nostri aerei e lo ammettiamo. Ogni incidente con i nostri aeroplani è chiaramente colpa nostra ed è inaccettabile", ha detto il CEO della principale costruttrice statunitense di aeromobili.

Nell'audizioneLink esterno di due ore, il dirigente ha ammesso che a inizio 2019, dunque prima della seconda tragedia, un pilota aveva segnalato problemi al sistema di stabilizzazione. Al CEO, tuttavia, questo aspetto sarebbe stato riferito solo nelle ultime settimane.

Presenti anche parenti delle vittime dei due disastri aerei. Copyright 2019 The Associated Press. All Rights Reserved.

Dopo il secondo schianto, il 737 Max è stato messo a terra in tutto il mondo e non ha più lasciato gli hangar.

Intanto, Boeing ha chiuso il terzo trimestre 2019 con un utile in calo del 51% a 1,17 miliardi di dollari (erano 2,63 nello stesso periodo dello scorso anno). I ricavi sono calati del 21% a 19,98 miliardi, un risultato comunque sopra le attese degli analisti.

Contenuto esterno

Nell'annunciare i trimestrali, il colosso statunitense dell'aviazione ha tagliato nuovamente la produzione del 737 Max. Stima tuttavia che riceverà le autorizzazioni necessarie per farlo tornare nei cieli: "il ritorno in volo resta la priorità", ha dichiarato Dennis Mulenburg.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.