Navigation

Suv contro i passanti, 19 feriti a Melbourne

Contenuto esterno


Un uomo ha ferito almeno 19 persone lanciandosi con un’automobile Suv giovedì nel centro di Melbourne, Australia. Molti dei passanti investiti, tra i quali un bambino colpito alla testa, versano in gravi condizioni.

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 dicembre 2017 - 13:15
tvsvizzera.it/ri con RSI (TG del 21.12.2017)

Il dispiegamento di forze dell’ordine a Flinders Street, dove si è verificato l’incidente poco dopo le 16.30 ora locale, è stato massiccio e "il conducente dell’auto è stato arrestato", ha subito riferito la portavoce della polizia, raccomandando a tutti di evitare la zona.

La stessa polizia ha in seguito reso noto l’arresto di una seconda persona, sotto interrogatorio come il conducente, e confermato che "si tratta di un atto deliberato, ma le indagini sono ancora in corso".

Nessun legame (provato) col terrorismo

"È troppo presto per sapere le motivazioni", ha risposto un agente a chi chiedeva se si può parlare di matrice terroristica. L'autore del gesto è un australiano di origine afgana, che nelle immagini diffuse dai media australiani appare con barba nera lunga, capelli corti, camicia a scacchi e jeans.

L’automobile ha fermato la sua corsa contro una fermata dell’autobus in Flinders Street, dove sono stati fatti evacuare i palazzi e un asilo. Secondo i testimoni, il Suv è partito sei o sette secondi dopo che al semaforo era scattato il verde per i pedoni.

Contenuto esterno

L’incrocio con Elizabeth Street è uno dei più trafficati della città e al momento dell’attacco, sulla strada, c’erano tra 40 e 60 persone.

15 secondi di furia

"Falciava chiunque si trovasse davanti, le persone venivano sbalzate via", racconta un testimone ai media australiani.

Un’altra persona, che stima in "circa 15 secondi" la durata dell’episodio, riferisce che "l’auto è passata col rosso a tutta velocità e poi è stato solo bang, bang, bang. Uno dopo l’altro. C’erano persone stese a terra e altre che cercavano di aiutarle".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.