Navigation

Terremoto, allevatori in ginocchio

Stalle distrutte e macchinari danneggiati mettono a rischio la sopravvivenza delle fattorie colpite dal sisma

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 agosto 2016 - 16:18

Mentre si sta scavando ancora tra le macerie e ci si mobilita per soccorrere i sopravvissuti del terremoto del 24 agosto, che ha ucciso in Lazio, Marche e Umbria 291 persone secondo l'ultimo bilancio ufficiale, si inizia a fare i conti dei danni all'economia della regione che si distingue per la produzione di generi alimentari apprezzati in tutto il mondo.

E per il settore primario si profila una grave emergenza, dopo che sono crollate le stalle e ad occuparsi degli animali sono rimaste poche persone che si trovano ad operare in condizioni di grave difficoltà.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.