Navigation

Fiducia del Senato al governo Draghi

Mario Draghi parla al Senato prima del voto di fiducia. Keystone / Senate Press Office Handout

In Italia, il Senato ha accordato mercoledì in tarda serata la fiducia al nuovo governo guidato da Mario Draghi. Il premier ha ottenuto 262 voti a favore su 304 espressi, ovvero 101 in più di quanti ne sarebbero bastati per una maggioranza politica; 40 i contrari, 2 le astensioni. Giovedì toccherà alla Camera.

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 febbraio 2021 - 08:20

A esprimere un no -oltre, come annunciato, ai 19 parlamentari di Fratelli d'Italia- sono stati 15 senatori dissidenti dei 5 Stelle. Altri otto esponenti del Movimento, incluso nella compagine di governo, erano assenti e non hanno partecipato al voto.

Il nuovo esecutivo potrà contare dunque su una maggioranza molto ampia, ma non supera il record di Monti per consensi a Palazzo Madama. Il 17 novembre 2011, il governo guidato dal senatore a vita vi ottenne 281 sì e 25 no, ovvero 19 a favore in più di quelli incassati da Draghi.

End of insertion

Nel suo intervento in aula in serata, l'ex presidente della Banca centrale europea ha esortato a ricostruire il Paese, colpito in pieno dalla crisi sanitaria ed economica innescata dal coronavirus: i morti sono ormai quasi 100'000 e il PIL ha registrato nel 2020 un calo dell'8,9%, uno dei dati peggiori della zona euro.

"Come i governi dell'immediato dopoguerra", ha osservato Draghi, "abbiamo la responsabilità di una nuova ricostruzione". "La nostra missione in quanto italiani", ha aggiunto il premier 73enne, "è di lasciare un Paese migliore e più giusto ai nostri figli e nipoti".

Qui un sunto del suo discorso programmatico di mercoledì mattina a Palazzo Madama.

Contenuto esterno

tvsvizzera.it/ATS/ri con RSI (News del 17.02.2021)

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.