Navigation

Il nuovo ponte sul Polcevera inizia a prendere forma

A poco più di un anno dal crollo del ponte Morandi, a Genova è stato posato martedì il primo impalcato del nuovo viadotto.

Questo contenuto è stato pubblicato il 01 ottobre 2019 - 14:00
tvsvizzera.it/mar con RSI (TG dell'1.10.2019)
Dopo la demolizione di ciò che restava del ponte Morandi, spazio alla ricostruzione. Keystone / Luca Zennaro

"Genova è un simbolo di rinascita che si sta concretizzando", ha dichiarato il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, durante la cerimonia per la posa del primo impalcato del nuovo ponte sul Polcevera.

I primi 50 metri del nuovo viadotto sono stati issati fra le pile 5 e 6, che arrivano a oltre 40 metri di altezza.

Contenuto esterno

Presente sul posto anche l'architetto Renzo Piano, che ha esortato gli operai a "non farsi male" e a "lavorare in completa sicurezza". Conte, dal canto suo, ha sottolineato che la sicurezza è un "imperativo categorico" del Governo.

"Ci sarà un monitoraggio costante per inaugurare l'opera secondo il programma", ha poi proseguito, promettendo che sarà consegnata in "tempi record". La fine dei lavori dovrebbe avvenire nell'aprile 2020.

Il viadotto sarà composto di 19 campate, lunghe da 50 a 100 metri e larghe 26.

In questo documentario-inchiesta della RSI, che recentemente ha ricevuto il Prix Italia per il miglior documentario Tv, viene ripercorsa la vicenda del crollo del Ponte Morandi.


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.