Navigation

Inchiesta Carige, Enderlin rientrato in Ticino

All'ex consigliere comunale luganese del PLR è stato revocato dal Tribunale di Genova l'obbligo di dimora

Questo contenuto è stato pubblicato il 10 maggio 2015 - 19:46

A un anno dal suo arresto l'uomo d'affari e consigliere comunale luganese Davide Enderlin è rientrato in Ticino da uomo libero. Il Tribunale di Genova ha infatti revocato all'imprenditore ticinese l'obbligo di dimora nel Comasco. L'ex politico del PLR, indagato nell'ambito della maxitruffa da 22 milioni ai danni della Banca Carige, dovrà comunque adempiere due volte alla settimana l'obbligo di firma presso la Questura di Como. Intanto però i tempi del procedimento a suo carico si allungano.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.