Navigation

Enderlin scarcerato

tvsvizzera

L'imprenditore luganese è agli arresti domiciliari in Italia

Questo contenuto è stato pubblicato il 19 luglio 2014 - 20:22

È stato scarcerato questa mattina Davide Enderlin. L'imprenditore ticinese di 42 anni era stato arrestato lo scorso 22 maggio dalla guardia di finanza con l'accusa di aver partecipato ad una maxi truffa da 22 milioni di euro ai danni di Banca Carige.

Enderlin, che si trovava da quel giorno nella casa circondariale di Marassi, ora è ai domiciliari in una località italiana, condizione indispensabile per la scarcerazione.

L'attenuazione della misura cautelare e stata decisa dal gip Adriana Petri e ha incassato l'ok della Procura di Genova. Enderlin tramite il suo avvocato Giordano Balossi si è detto "felice per la scarcerazione".

Determinante, secondo il suo legale, l'ultimo interrogatorio di giovedì scorso in cui Enderlin ha fornito spiegazioni e chiarimenti in merito ai flussi di denaro relativi all'acquisto dell'hotel Holiday Inn di Lugano effettuato dal dominus della truffa Giovanni Berneschi.

Red MM/Tommaso Fregatti

Davide Enderlin ©tipress

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.