Navigation

Dumping salariale, "le misure ci sono, vanno applicate"

Marie-Gabrielle Ineichen-Fleisch keystone

La direttrice dell'istituto federale SECO Marie-Gabrielle Ineichen-Fleisch loda gli interventi del Ticino nella lotta agli abusi

Questo contenuto è stato pubblicato il 14 novembre 2016 - 12:07

Dumping salariale? "Gli strumenti per combatterlo ci sono; bisogna però applicarli quando si verificano degli abusi". Parola di Marie-Gabrielle Ineichen-Fleisch.

In una lunga intervista concessa a Modem (ascolta l'audio) lunedì mattina, la direttrice della Segreteria di stato dell'economia ha affrontato stamane il tema, delicato, della la libera circolazione delle persone. Per le imprese svizzere – ha ribadito – la libertà di movimento dei lavoratori resta importantissima, perché "c'è necessità di manodopera, soprattutto specializzata".

Ma la pressione sul mercato del lavoro in Ticino e in altre regioni di frontiera – ha poi ammesso – "nessuno la nega". In passato la Seco l'ha sottovalutata? "Forse", ha concesso Ineichen-Fleisch, per la quale le misure d'accompagnamento oggi sono comunque sufficienti.

"Di più non ce ne vogliono; se mai, bisogna però applicarle" e il Ticino – ha giudicato la segretaria di Stato all'economia – lo sta facendo in modo "quasi esemplare": un quarto delle multe inflitte in Svizzera in questo ambito, lo sono a sud delle Alpi.

Di fronte alla minaccia di una "lombardizzazione" dell'economia, un richiamo Ineichen-Fleisch lo ha poi lanciato anche agli imprenditori: "devono prendersi le loro responsabilità, devono dare salari che corrispondono agli usi locali".

redazione rsi

La pagina dedicata alla puntata di modem di lunedì 14 novembreLink esterno

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?